L’ultras ferito dopo Lazio-Roma: “Allo stadio le coltellate si prendono e si portano a casa”

Calcio

ROMA – Parole che evitiamo di commentare per non essere troppo pesanti, parole evidentemente gravi e folli. Parole che non ci interesserebbero nemmeno troppo, visti i contenuti, se non fosse che per gente come questa – domenica sera – una madre e due bimbi estranei alla follia delinquente troppe volte vista negli stadi (ed all’Olimpico in particolar modo) se la sono vista brutta.

Ecco l’intervista dell’inviato della ‘Gazzetta dello Sport’ all’ospedale dove il tifoso accoltellato alla gola dopo il derby è ricoverato:

Maximiliano, tu sei il sopravvissuto di una notte di follia. Hai avuto paura di morire?
Sì, per qualche minuto. Ma me la sono cavata
Cosa ricordi di quei momenti?
Tutto, sono rimasto cosciente
Sei stato aggredito alle spalle, quanti erano?
Non lo so, non li ho visti, è stato un attimo
Cosa pensi dei tuoi aggressori?
Niente, che devo pensare?”
Potevano ucciderti…
Allora? Dovrei dire che sono infami, pezzi di merda? No, allo stadio le coltellate si prendono e si portano a casa”.
Perché ti trovavi a Ponte Milvio, in mezzo agli scontri?
E lo vengo a dire a te?”
Allo stadio ci tornerai?
Certo, perché non dovrei?”.
Perché è stato un derby tanto violento? Non avevate firmato un patto di non belligeranza?
Sei poco informato
Il problema è con il gruppo laziale “In basso a destra”?
Questo lo dici tu
Ma tu appartieni a qualche gruppo?
La conversazione è finita

Luca Brivio – www.calciomercatonews.com

Tags:

© 2013. Calciomercatonews.com - Tutti i diritti riservati

Testata web registrata p.sso: Registro ROC N° 17082

NextMediaWeb srl P.iva 09689341007

Back to Top