Inter, Moratti si scaglia contro la Federazione: “Aveva ragione Mou. Per questo se n’è andato…”

Calcio

MILANO – E’ di nuovo bufera tra l’Inter e la Federcalcio. Tutta colpa dei 3 mesi di inibi­zione inflitti a Massimo Moratti per aver trat­tato Milito e Thiago Motta con il già inibito presidente del Genoa, Enrico Preziosi (san­zionato a sua volta con altri 6 mesi). A diffe­renza dello scorso febbraio, quando furono decise le squalifiche dopo il match con la Sampdoria, stavolta il presidente nerazzurro non fa il nome di Giancarlo Abete, ma, fir­mando, a voce, un altro atto d’accusa contro la massima istituzione del calcio italiano, nel­la sostanza, lo coinvolge direttamente. «Ho molto rispetto per i giudici, ma molto meno per la Federazione – ha affermato Moratti ieri, a fine giornata, sotto i suoi uffici della Saras – Insomma, ave­va proprio ragione Mourinho a sostenere che quest’anno sarebbe stata molto più dura e che ce l’avrebbero fatta pa­gare. Lui, per questo motivo, se n’è andato. Io, purtroppo, non posso farlo perché non ho la sua libertà. Questa decisio­ne è il coronamento di un at­teggiamento e di una volontà. Io non mi sento colpevole nel modo più assoluto. Non han­no tenuto contro della nostra difesa e delle nostre giustifi­cazioni» .

In attesa dell’esito del ricorso – che verrà certamente presentato – la prima conseguenza per Moratti è che per i prossimi 90 giorni non potrà più ri­spettare la sua abitudine di scendere negli spogliatoi prima, nell’intervallo e dopo le partite. Ma ancor peggio, il prossimo 21 ago­sto a San Siro, qualora l’Inter dovesse con­quistare la Supercoppa italiana ai danni del­la Roma, non potrebbe andare in campo per sollevare il trofeo insieme ai suoi calciatori.

(Fonte ‘Corriere dello Sport’)

La Redazione di www.calciomercatonews.com

© 2013. Calciomercatonews.com - Tutti i diritti riservati

Testata web registrata p.sso: Registro ROC N° 17082

NextMediaWeb srl P.iva 09689341007

Back to Top