Calciopoli, Gianfelice Facchetti: “Attacchi a mio padre spenti in Tribunale”

Ultime Notizie:

CALCIOPOLI FACCHETTI – «Il fatto che Giacinto Facchetti non ci fosse e quindi non potesse difendersi è sembrato un incentivo ad attaccarlo». Così Gianfelice Facchetti, figlio del compianto giocatore dell’Inter e della Nazionale, ha riparlato delle accuse rivolte al padre nel corso del processo di Napoli sui fatti di Calciopoli. «È giusto fare una riflessione – ha esordito Facchetti jr in occasione della consegna a Gianfranco Zola di un premio intitolato al padre -: in questo anno e nei precedenti ci sono stati attacchi mistificatori nei confronti di papà, che poi si sono spenti da soli nelle aule di tribunale. E faceva riflettere lo spazio differente che trovavano l’offesa e la calunnia rispetto alla smentita». «Il fatto che Giacinto non ci fosse – ha sottolineato Facchetti – sembrava un incentivo ad attaccarlo, con insinuazioni basate sul nulla. Il problema è che la querela è un deterrente spesso inutile che non basta a disincentivare le illazioni. La smentita non ha lo stesso peso dell’offesa ed è giusto che chi parla di sport analizzi questo elemento». A tal proposito, il presidente del Coni Gianni Petrucci, ha detto che «nessuno può infangare un nome che ha fatto la storia positiva e vincente del calcio italiano».

Fonte: Ansa

La redazione di Calciomercatonews.com




© 2013. Calciomercatonews.com - Tutti i diritti riservati

Testata web registrata p.sso: Registro ROC N° 17082

NextMediaWeb srl P.iva 09689341007

Back to Top