L’Esperto: “Milan, la permanenza di Pato è a rischio, ma se dovesse essere ceduto…”

ROMA – Ben ritrovati con la seconda parte di domande che ci avete spedito e le relative risposte del nostro esperto. Cominciamo.

Salve esperto di mercato sono Luca da Ravenna tifoso del Milan, se Leonardo dovesse andare via penso e credo che la società abbia già pronto il sostituto e tra questi nomi Galli, Van Basten, Allegri le volevo chiedere chi è favorito? Sono allibito che dopo la cessione di Kakà si pensi a quella di Pato per noi tifosi sarebbe un colpo duro l’Inter che vince la Champions (mi auguro che non la vinca) e la società che da via Pato. Credo che allo stadio il prossimo anno ci sarebbero zeru abbonati una cosa del genere è sconcertante anche perchè i soldi sicuramente non verrebbero reinvestiti per un sostituto ma per ripianare di nuovo il bilancio di questo passo però non si può andare avanti vorrei delle spiegazioni. Per quanto riguarda il mercato le volevo chiedere se la linea era questa Yepes,Astori o Otamendi, Aogo, Pedro Leon (anche oggi si è ribadito che il giocatore e vicino al Milan) ed un eventuale sostituto di Pato. Sono distante o vicino alla realtà delle cose?

Per la panchina attualmente favorito resta Filippo Galli, per quanto riguarda Pato il discorso è questo: Pato è un giocatore legato al Milan, ma non è certo uno di quei giocatori che farebbero di tutto pur di non lasciare il Milan o che rifiuterebbero destinazioni come Chelsea o Real Madrid che lo ricoprirebbero d’oro. Di certo non è legato al Milan come lo era Kakà, e se in passato sono partiti giocatori come Shevchenko e lo stesso Kakà, beh, non bisogna farsi illusioni sbagliate, anche Pato potrebbe lasciare il Milan soprattutto dopo che anche Leonardo lascerà il Milan. In questo caso Pato avrebbe perso le due persone alle quali era più legato, ovvero Ancelotti ( un vero e proprio mentore per lui) e lo stesso Leonardo. Inoltre questa politica del Milan potrebbe portare il Milan a non essere competitivo con le grandi nell’immediato e Pato potrebbe seguire quello che è il cammino naturale di un grande giocatore. Se non verrà ceduto quest’anno, cosa che Galliani a promesso, allo stato attuale ribadisco che la prossima stagione potrebbe essere quella giusta. Questo dipende da due fattori, il primo è se il Milan sarà o meno competitivo in questa stagione, il secondo sarà vedere con quali presupposti il Milan inizierà la stagione successiva, ovvero se si rafforzerà a dovere sul mercato o meno. Qualora per il Milan si dovesse prospettare un’altra stagione non all’altezza delle grandi, dopo 4 stagioni poco esaltanti il papero potrebbe lasciare i rossoneri e andare in squadre con maggiori possibilità di vittoria. Detto questo la società ha reso pubblico il bilancio che presenta una perdita di circa 10 milioni, se Pato dovesse essere ceduto ad una cifra consistente credo che la società questa volta non potrebbe esimersi dall’investire la restante parte del ricavato della cessione nel mercato. Quindi di sicuro il Milan potrebbe intervenire sul mercato con maggior decisione. Per concludere credo che il mercato possa essere quello che tu hai tracciato in caso che Pato resti, qualora Pato dovesse partite il Milan oltre ad un degno vice Pato potrebbe investire maggiormente anche in altri reparti.

Caro esperto, io sono un appassionato del Milan. volevo chiederti se hai dei contatti con la dirigenza dell settore giovanile del Milan. questo perchè io vengo da Malta e c’e’ un grande talento, James Paris, lui ha fatto tre provini, con il Liverppol, con l’Empoli e con il Manchester City (che è dove ha giocato per gli ultimi 3 anni) adesso sarà svincolato e volevo chiederti se tu potrai fare un grande favore a Malta e farlo giocare in un club di prima fascia. La seconda domanda e se c’e una possibilità per un azionario popolare dei tifosi per dare soldi che adesso non stanno venendo da Berlusconi? Infine hai da consigliare dei talenti non ancora famosi ma che sono veramente buoni? Grazie di tutto. Grazie Andrew.

Caro Andrew, io ho contatti con la dirigenza del Milan, ma le scelte di mercato sia a livello di prima squadra che a livello si settore giovanile spettano alla società e io non metto becco nelle loro decisioni, non sono un consulente del Milan, inoltre il club rossonero ha già Pederzoli come capo scout del settore giovanile, del quale io ho una grande stima. Per quanto riguarda un azionista esterno attualmente è da escludere perché Berlusconi non è intenzionato a cedere alcuna quota della società e quindi non ci saranno nuovi fondi provenienti dall’esterno. Per quanto riguarda giovani talenti a me piacciono moltissimo 2 giovani giocatori che magari per i più informati potranno essere già noti e sono: Jhon Bostock classe 1992 che è di proprietà del Tottenham e Marko Livaja classe 93’ che consigliai già tempo fa e che il Milan è riuscito ad accaparrarsi.

Avete domande o curiosità di mercato alle quali vorreste avere una risposta? Scriveteci all’Indirizzo [email protected], vi risponderà il nostro esperto. Cosa aspettate?

Un abbraccio dal vostro esperto di mercato

Clicca QUI per leggere tutte le altre puntate della rubrica “L’Esperto”.