Home Archivio articoli Calciopoli Milan, chiamata “confidenziale” tra Collina e Galliani!

Calciopoli Milan, chiamata “confidenziale” tra Collina e Galliani!

CONDIVIDI

CALCIOPOLI COLLINA GALLIANI MILAN – Erano passati al tu, Collina e Galliani. Lo fanno in un giorno di grande amarezza rossonera: il lunedì dopo Milan-Juve che costò lo scudetto ai rossoneri. La parte in­teressante descrive il rapporto assai raro in Calciopoli tra un dirigente apicale e un arbitro: della Galliani-Collina parla proprio l’arbitro viareggino, chiamate dirette ne ave­vamo solo tra Facchetti e De Santis o Paparesta a Mog­gi dopo Reggina-Juve. Si lasciano con un appuntamento a tre con Carraro: «Non vada in Inghilterra», gli dice.

Collina:(?) Stamattina mi ha chiamato il tuo capo? È sta­to di una gentilezza assoluta, veramente?

Meani: Galliani? Ieri era incazzato nero.

[…]

Meani: Che t’ha detto (Galliani ndr.)?

Collina: E’ stato carino, m’ha detto: ‘Io l’ho chiamata uni­camente perché ho letto stamattina che Lei e il Milan non sarebbero più amici”…

Meani: Ma va’…

Collina: ‘Volevo dirLe che queste… mi hanno fatto incaz­zare queste cose…’. Guardi, io non ho dubbi di questo, né da un punto di vista personale Suo di Adriano Galliani né da un punto di vista di ad del Milan, per cui… Lei… mi fa piacere che mi abbia chiamato. ‘Non voglio parlare della partita di ieri, assolutamente’. No, se vuole possiamo par­larne, ci mancherebbe altro. ‘No, no, non importa, non è… non volevo chiamarLa per questo’. Ho detto: guardi, mi fa piacere, sono quindici anni che ci conosciamo, eccetera. Fra l’altro un giorno spero di poter avere il piacere che Lei mi dia del tu perché mi danno del tu tanti altri, da Giraudo ad altri che comunque sono nel calcio e mi farebbe piace­re se Lei veramente… lo considererei un punto d’arrivo, gli ho detto. Fa:‘Guarda, da oggi… da oggi facciamo così. Però, visto che io sono più vecchio di te, non voglio fare il vecchio che poi… (incomprensibile) del Lei. E allora mi devi dare del tu…”

Il progetto era di fare di Collina il designatore, «io, lei e Car­raro dobbiamo parlare».

Fonte: Tuttosport

La redazione di Calciomercatonews.com