Home Archivio articoli Calciomercato Milan, Van Bommel no, Criscito forse

Calciomercato Milan, Van Bommel no, Criscito forse

CONDIVIDI

CALCIOMERCATO MILAN VAN BOMMEL BAYERN MONACO CRISCITO GENOA BOATENG STRASSER GALLIANI DICHIARAZIONI- Milan attivissimo sul mercato. Rinforzare la difesa e il centrocampo è l’obiettivo di Galliani in questa sessione di mercato, come ammesso da Galliani, di ritorno dal Brasile dopo aver risolto la cessione di Ronaldinho e aver osservato, come ha ammesso lui stesso, alcuni giocatori del campionato brasiliano. Ai microfoni di Sky, Galliani ha infatti rivelato: «Se ci sarà l’occasione, tecnica ed econo­mica, di rafforzare i reparti arretra­ti lo faremo. Entrambi? Forse. C’è tempo fino al 31 gennaio». Inoltre, l’ad del Milan ha smentito la possibilità, paventata negli scorsi giorni, di un arrivo di Mark Van Bommel, centrocampista del Bayern Monaco in scadenza. « Si tratta di un giocatore importante, ma ha un età tale che non pensiamo faccia al caso nostro » ha detto il dirigente rossonero, mostrandosi consapevole che i quasi 34 anni del centrocampista stonerebbero con il progetto rossonero. I rinforzi per la difesa però dovrebbero essere due, un terzino e un centrale. Sulle fasce infatti, scartando l’ormai epurato Jankulovski, rimangono solo Antonini, apparso molto meno attento in copertura rispetto alla precedente stagione, Abate, che invece sembra migliorare nella fase di non possesso, e Zambrotta, affidabile nel rendimento ma continuamente alle prese con guai fisici. Dopo la prova sottotono di Bonera, invece, l’unico centrale, oltre la coppia Silva-Nesta, di cui Allegri sembra fidarsi è Yepes. Troppo poco per una squadra che vuole lottare su tre fronti. L’ideale sarebbe acquistare un giocatore capace di coprire sia il ruolo centrale che quello di terzino sinistro. Secondo il Corriere dello Sport, il Milan starebbe pensando a Mimmo Criscito, progettando di trattare con Preziosi, che Galliani ha incontrato per ben 8 volte in Brasile, come ha rivelato il presidente del Genoa, e che però non si priverà del suo terzino se non davanti a una offerta irrinunciabile. I buoni rapporti tra le società e le tante comproprietà in ballo potrebbero favorire la trattativa.

Marco Nicolosi- www.calciomercatonews.com