L’Esperto di calciomercato: “Milan due colpi per gennaio, ma prima bisogna…”

ESPERTO CALCIOMERCATO - Ben ritrovati con un nuovo appuntamento con il nostro
esperto di calciomercato, che risponderà alle domande che ci avete spedito.
Prima di tutto vi ricordo di divenire fan della mia
pagina personale su Facebook, cliccando qui, grazie!
Salve esperto,siamo appena all'inizio del campionato ma la situazione del Milan è
già in netta salita!Lei mi dirà che il Milan ha fatto una discreta campagna
acquisti ma visti i risultati delle prime partite io continuo a sostenere che
il mercato è sufficiente. Le ho scritto che il Milan aveva una mediana troppo
vecchia nei titolari, media di 34 anni, ed infatti si sono visti i risultati, 3 
partite il centrocampo non fa filtro prendiamo 7 goal e ne rischiamo altrettanti.
Van Bommel sembra più lento di Pirlo, incosistente e Seedorf è tornato il solito 
indolente. Nel mercato si poteva e doveva fare di più è palese che nella rosa manchi
un vice Van Bommel con più cattiveria e corsa onestamente sarebbe servito un 
Montolivo un tentativo Galliani doveva farlo sul finire del mercato non crede?
Riguardo Seedorf,diciamo che nonostante Aquilani stia rendendo discretamente al
Milan serve un giocatore con più qualità e corsa le ripeto per me Lucas è il 
miglior alter ego dell'olandese e spero che diversamente da quello che trapela il
Milan lo prenda per giugno o luglio. Concludo con l'attacco, anche qui è palese che
un vice Ibra serva e lo dimostrano le ultime 2 partite senza lo svedese, il Milan 
che ha un gioco che si basa su una prima punta fisica ha perso gran parte del suo
potenziale offensivo. Esistevano diverse soluzioni sul mercato estivo ma la 
dirigenza ha tirato subito i remi in barca! Allora le chiedo cosa può fare e farà 
la dirigenza a gennaio per raddrizzare la rotta sperando che il suo cammino non sià già compromesso? Io credo che Montolivo sia una soluzione obbligatoria così 
come un vice Ibra, chi può essere secondo lei? Si spera sempre nell'ipotesi Balo ma
a gennaio è difficile, però si può sfruttare anche la casella extra che a giugno
ritorna utile per l'affare Lucas! Cordiali saluti Francesco
Caro Francesco ben ritrovato, l'avvio di stagione del Milan non è stato dei
migliori anche se in questo momento il Milan è in ripresa. Questo avvio sottotono
però dipende da diversi fattori, quali infortuni e soprattutto una preparazione non
finalizzata a sprintare dall'inizio. E' infatti evidente guardando le partite dei
rossoneri come la condizione fisica dei giocatori lasci ancora molto a desiderare
e le prestazioni di molti singoli sono ancora ben al di sotto di quelle della
scorsa stagione. Per questo, pur riconoscendo un età media elevata al centrocampo,
credo che il motivo principale dello scarso rendimento sia proprio uno stato di
forma generale non eccellente e sono sicuro che quando la squadra sarà più rodata
tornerà a fare prestazioni importanti come quelle della scorsa stagione. Riguardo 

Montolivo a differenza di quanto si dice in realtà Galliani un tentativo lo aveva
fatto, non si tratta di un offerta concreta ma di una richiesta di informazioni
che il numero due rossonero fece alla Fiorentina. Allora (inizio agosto) la
Fiorentina chiese intorno ai 12 milioni per liberare il gioctaore, decisamente
troppi per un gioctaore prossimo alla scadenza e il discorso si interruppe li.
L'operazione Montolivo è comunque a mio avviso destinata a concretizzarsi,forse a
giugno, ma più probabilmente a gennaio dove il Milan avrà l'occasione di togliersi
da una situazione scomoda offrendo 5-6 milioni alla Fiorentina e salvaguardare il
rapporto con i viola senza fare quello che da molti sarebbe visto come uno sgarbo,
ovvero tesserare il gioctaore a parametro zero. In attacco quando manca
Ibrahimovic la sua assenza si sente eccome, ma anche qui voglio comunque
sottolineare le prove molto opache di alcuni elementi, Pato su tutti, che ha reso
sotto le sue possibilità facendo pesare in modo ancora maggiore l'assenza dello
svedese. Anche Cassano nonostante sia in crescita nelle ultime partite in molti
incontri non ha reso come dovrebbe e la partita di Barcellona ne è l'esempio.
Quando in una partita di 90 minuti un giocatore come Cassano e con una tecnica
così sopraffina non riesce a stoppare bene un pallone permettendo alla squadra di
distendersi e compiendo un buon disimpegno vuol dire che qualche problema c'è e 

non dipende solo dall'assenza di Ibrahimovic. Gli attaccanti dunque, vuoi per la
condizione non buona, vuoi per un momento no, sono stati al di sotto delle
aspettative, ma credimi quando ti dico che due giocatori come Pato e Cassano
possono fare molto  di più e hanno le qualità per essere importanti anche senza
Ibrahimovic, fornendo prestazioni decisamente superiori di quelle fatte al Camp
Nou e a Napoli. Con questo non voglio però affermare che l'assenza di Ibrahimovic
non sia importante, come ho detto sopra lo è eccome. Per questo motivo il Milan a
gennaio si guarderà intorno, ma come ti spiegavo già a luglio arriverà un
attaccante solo se ne partirà un altro. Come ben sai il calcio italiano non
attraversa un grande periodo e bisogna gestire le poche risorse disponibili in
modo efficente, il Milan conta in rosa già 6 attaccanti, onestamente non credo
che arriverà a 7 mandandone 2 in tribuna ogni partita. I club sono gestiti come
aziende e soprattutto in un periodo come questo c'è grande attenzione nel
distribuire le risorse.
Caro esperto le volevo chiedere se per il Milan il mercato di gennaio possa essere 
questo: cessioni di Emanuelson, Flamini, Cassano. acquisti di Montolivo, Lucas del 
San Paolo o Ganso e prestito oneroso con obbligo di riscatto di Balotelli. Cosi 
avremmo il vice van bommel cioè montolivo, vice ibra cioè Balotelli e il vice 
Boateng (coppa africa) cioè Lucas o Ganso. Credo che con questo mercato in Europa 
solo il Barcellona sarebbe superiore. Grazie Antonio
 
Caro Antonio, per delineare il mercato con esattezza è ancora molto presto, quello
che però posso dirti è che il Milan lavorerà per acquistare probabilmente un
centrocampista e forse un attaccante, ma questo dipenderà dal mercato in uscita.
A centrocampo potrebbe essere possibile la partenza di Emanuelson, diversa invece
la situazione di Flamini, che ha un ingaggio altissimo, viene da un brutto
infortunio ed è vicino alla scadenza di contratto. Per cui trovare acquirenti per
il francese sembra difficile. L'operazione Montolivo credo che si concretizzerà e
il Milan guarderà con attenzione anche al mercato brasiliano. Ganso e Lucas
restano in cima alla lista ma i rossoneri non hanno intenzione di spendere cifre
esorbitanti, attualmente entrambi costano molto e qualora i club brasiliani non
abbassino le pretese difficilmente approderanno in rossonero. In attacco qualora
dovesse partire Cassano come tu hai scritto sicuramente arriverebbe qualcuno
(Balotelli resta il primo indiziato), ma siamo sicuri che il Milan sia ancora
intento a vendere Cassano? Pato ha dimostrato di essere ancora limitato dalla sua
fragilità fisica andando incontro all'ennesimo infortunio muscolare, Robinho è
ancora ai box e se fosse confermato che soffre di pubalgia, come alcuni
sostengono, non sarebbe certo una buona notizia per il Milan. In questo scenario
con Inzaghi ormai sul viale del tramonto e con El Shaarawy che ovviamente
necessita di tempo per crescere ed integrarsi, Cassano dopo Ibrahimovic
rappresenta l'attaccante che offre maggiori garanzie ai rossoneri.
Avete domande e curiosità di mercato alle quali vorreste avere una risposta?
Scriveteci all'Indirizzo redazione@calciomercatonews.com, vi risponderà il nostro
esperto. Cosa Aspettate? 

Un abbraccio dal vostro esperto di mercato.