Calciomercato, parla l’Esperto: “Milan-Montolivo si farà a gennaio, in attacco i rossoneri seguono…”

 

ESPERTO CALCIOMERCATO – Ben ritrovati con un nuovo appuntamento con il nostro esperto di mercato, che risponderà alle domande che ci avete spedito.Prima di tutto vi ricordo di divenire fan della mia pagina personale su Facebook, cliccando qui, grazie!

 

Gentilissimo Esperto mi chiamo Alessandro, volevo chiderle secondo lei quante possibilità ci sono che il Milan acquisti un vice-Ibra di qualità tipo Tevez o Torres? Se Taiwo non dovesse convicere la dirigenza si potebbe acquistare anche un terzino sinistro? Cordiali Saluti 

 

Il Milan in questo periodo è alle prese con molti infortuni nel reparto avanzato, ma a rosa completa conta già sei attaccanti più Boateng, schierato trequartista. Per questo motivo trovo difficile che il Milan possa acquistare un’altro giocatore offensivo senza prima aver effettuato qualcosa in uscita. Inoltre Tevez e Torres sono giocatori che per i costi che hanno sono fuori dalla portata di qualsiasi club italiano in questo momento, per cui gli escluderei. Molto più facile pensare ad un attaccante giovane che rappresenti un prospetto di campione piuttosto che un campione già fatto. Unico colpo ,ritenuto da alcuni già tale, potrebbe essere quello di Balotelli, ma attualmente è un ipotesi più facile per giugno. Riguardo al terzino il discorso è analogo, inoltre credo che il club rossonero darà tempo a Taiwo di inserirsi almeno sino al termine della stagione, evitando una bocciatura già a gennaio.

 

Salve esperto, grazie per la risposta, quando parla di preparazione lei ha ragione ma si contraddice quando parla di partenza sprint! Seedorf e Van Bommel non l’hanno avuta questa partenza sprint poi le ripeto nella rosa del Milan manca un alternativa al secondo che sarà sempre costretto ai lavori forzati anche quando ritornerà il suo sostituo attuale, Ambrosini, che nelle prime uscite ha lasciato molto a desiderare. Motivi questi per me che obbligano la società a chiudere anche in fretta per Montolivo a gennaio quando l’olandese stanco dovrà riposare! Riguardo la punta secondo me il discorso non si può chiudere dicendo ci sono 6 punte e se non parte una l’altra non può arrivare! Io parto da un presupposto fondamentale noto a tutti, le squadre che giocano la Champions devono avere un alternativa valida per ogni ruolo, il Milan attuale non ce l’ha! Manca a detta di tutti è un vice Ibra, una falla che il Milan si trascina dallo scorso gennaio arrivando a fine stagione a giocarsi il campionato con l’attacco Robinho- Cassano. L’altro assurdo è stato puntare su pato come prima punta! Lei sostiene ke è una questione di condizione di maturazione io la vedo diversamente pato nn è una prima punta non ama giocare con le spalle alla porta ha caratteristiche da seconda punta,ke nonostante il tentativo di “eccessivo” irrobustimento fatto dallo staff tecnico, sfrutta la sua velocità partendo largo da lontano come fatto a barcellona come si è visto sotto la gestione Leonardo ed Ancellotti! Poi se consideriamo la fragilità di quest’ultimo,  di Inzaghi ma soprattutto di Ibra un dirigenza che ha voglia di fare di vincere non può lasciare questa falla nella rosa anche perchè il gioco del milan dipende molto da un giocatore forte fisicamente ke aiuti la squadra nel gioco e nella finalizzazione! Io spero in Balotelli ma è difficile soprattutto ora che Tevez si è autoescluso! ma ci sono giocatori di esperienza ke a gennaio potrebbero tornare utili come ad esempio anelka ke seondo mefarebbe bene come vice Ibra! Insomma si cerca  sempre di comprendere ed elogiare la gestione Galliani ma alcune questioni lasciano sbigottiti  molti tifosi ed esperti, una grande società deve esser tempestiva! Le faccio queste considerazioni per farle notare che il tanto osannato duo Galliani-Berlusconi spesso sbagliano programmazione, ma una cosa la sanno fare vendersi bene ai media e prendere in giro i tifosi, che però non sono fessi e rispondono con gli abbonamenti! Cordiali saluti Francesco

 

Caro Francesco ben ritrovato, probabilmente mi sono espresso male o non ci siamo capiti su quello che volevo affermare la scorsa volta. Non ci siamo capiti ne sulla partenza sprint, ne tantomeno sul ruolo di Pato. Cerco di essere più chiaro, non sostengo che Pato sia una prima punta e che Pato abbia le caratteristiche per sostituire Ibrahimovic, anche io sono d’accordo con te nel sostenere che Pato da il meglio giocando accanto ad una prima punta fisica e potendo svariare sul fronte offensivo. Quello che cercavo di spiegarti è che comunque sia il Pato che il Cassano (e più in generale tutta la squadra) visti a Napoli o al Camp Nou non sono i veri Pato e Cassano e il loro scarso rendimento non è dovuto soltanto dalla assenza di Ibra. Quando un giocatore del loro valore non riesce a stoppare una palla o non riesce a fare una triangolazione giusta in 90 minuti è evidente che il problema non è l’assenza di Ibra, o perlomeno non solo. Il problema è di natura generale, di condizione di una squadra che è già stanca per via degli infortuni e questo credo sia stato ampiamente dimostrato nella partita contro la Juevntus di domenica scorsa.  In quella partita Ibra era presente, ma la prestazione della squadra è stata pessima, la stessa prestazione di Ibrahimovic non è stata superiore a quelle di Pato o Cassano negli impegni sopra citati e questo a mio avviso è un chiaro sintomo di quello che sto cercando di spiegarti. Certo lo svedese è una pedina importantissima, ma la prestazione di domenica dimostra che se gli attaccanti non sono in forma e se non sono supportati da tutta la squadra difficilmente riescono ad essere decisivi.  In una partita come quella di Barcellona ad esempio anche con la presenza di Ibrahimovic dal punto di vista del gioco a mio avviso sarebbe cambiato poco, i blaugrana avevano completamente altri ritmi. Passando al mercato so che non sei d’accordo ma la realtà è questa, i club guardano molto ai bilanci e non possono permettersi sprechi, sprechi come quelli di mandare il tribuna due o tre giocatori strapagati in uno stesso ruolo. Sei attaccanti più Boateng sono un numero di giocatori offensivi consono per affrontare tutti gli impegni, un vice Ibra serve, è vero, ma probabilmente dovrà arrivare al posto di qualche “doppione” anzichè come giocatore in più. Per questo credo che probabilmente qualcosa in uscita andrà fatto, per fare spazio ad un vice Ibra. Balotelli come tu stesso hai detto resta un obiettivo, ma la vicenda Tevez complica le cose, Jonathas del Brescia invece resta sotto osservazione.  Riguardo Montolivo, come ho già annunciato la scorsa volta, il Milan proverà ad acquistarlo già a gennaio e onestamente non credo ci saranno grandi problemi nel celebrare un matrimonio che sembra già annunciato.

 

Avete domande e curiosità di mercato alle quali vorreste avere una risposta? Scriveteci all’indirizzo redazione@calciomercatonews.com, vi risponderà il nostro esperto. Cosa aspettate?

 

Un abbraccio dal vostro esperto di mercato.