Home Archivio articoli Calciomercato Juventus, sfoltire per lo Scudetto

Calciomercato Juventus, sfoltire per lo Scudetto

CONDIVIDI

CALCIOMERCATO JUVENTUS TONI AMAURI IAQUINTA KRASIC ELIA – La vittoria di sabato sera, ottenuta a San Siro contro l’Inter, è una grandissima iniezione di fiducia per la Juventus. L’aver battutto i nemici di sempre ha ulteriormente caricato i ragazzi di Antonio Conte, già galvanizzati dal primo posto solitario. Dalle parti di Vinovo, non ci sono però solo sorrisi, ma anche qualche muso lungo. Infatti, in attacco c’è un sovraffollamento che a lungo andare può nuocere alla salute dello spogliatoio e creare qualche ostacolo nella corsa Scudetto. Inoltre, per poter portare a Torino il top player in grado di permettere il definitivo salto di qualità, per riconquistare l’Italia e l’Europa, ci vogliono altri soldi, ricavati dalle cessioni di questi elementi ‘di  troppo’.

Il tecnico bianconero sembra aver deciso di fare affidamento su Matri, Vucinic e Del Piero, con Toni, Quagliarella e Amauri destinati a cambiare squadra. Ma quando? Per il campione del mondo 2006 e l’oriundo si profila una cessione già a gennaio, con il giocatore di Pavullo nel Frignano che trova ammiratori in Inghilterra, Arsenal in primis. Anche l’italobrasiliano potrebbe seguire il suo compagno di squadra e tentare un’esperienza in Premier League, senza dimenticare che il Parma sarebbe pronto ad accoglierlo a braccia aperte, dopo la salvezza raggiunta la scorsa stagione grazie ai suoi gol. Più complicata la situazione di Quagliarella: i tre titolari sono intoccabili ma, in caso di infortunio di uno dei tre, l’attaccante di Castellammare di Stabia ritroverebbe spazio. Quindi, difficilmente vedrà il campo ma non Conte non lo lascerà partire, almeno a gennaio.

Capitolo ali: questa Juventus può volare anche senza di loro. Krasic e, soprattutto Elia, non hanno convinto il tecnico salentino e Marotta potrebbe vendere il primo, magari al Chelsea, e cedere il secondo in prestito, visto l’ingente investimento fatto in estate. Il serbo non è mai entrato nelle grazie del nuovo allenatore della società di Corso Galileo Ferraris, mentre l’olandese, arrivato negli ultimi giorni di mercato, sembrava il vero colpo bianconero, invece ha il posto fisso in tribuna. Tante piccole cariche pronte ad esplodere che è meglio allontanare, prima che possano creare un polverone che oscuri il traguardo finale: lo Scudetto.

Alberto Santi – www.calciomercatonews.com