Calciomercato Inter, speciale – Dal rinnovo di Milito a Kucka, passando per Forlan ed Eto’o: i 10 clamorosi errori di mercato

CALCIOMERCATO INTER MILITO ETO’O MORATTI FORLAN KUCKA GASPERINI RANIERI – Cosa succede all’Inter? Fino a un paio di stagioni fa la squadra nerazzurra era uno schiacciasassi nel nostro campionato e finora è l’unica ad aver spezzato l’egemonia del Barcellona in Europa nelle ultime tre stagioni. Troppi gli errori fatti dalla dirigenza, dai tecnici e dagli stessi giocatori in campo. Ecco un analisi delle gaffe nerazzurre negli ultimi mesi.

CHI E’ ARRIVATO E PARTITO – I nuovi arrivi non hanno entusiasmato la tifoseria. Nell’ordine Jonathan, Alvarez, Castaignos, Zarate e anche il top player Diego Forlan non hanno dato adrenalina al tifo di San Siro. Inoltre, tatticamente e tecnicamente non hanno dato la scossa giusta alla rosa di Gasperini prima e di Ranieri poi. Alcuni di questi acquisti hanno inciso molto sul bilancio (vedi Alvarez, Forlan e al termine della stagione il riscatto di Zarate) e potrebbero ripercuotersi nelle spese future della società. Forlan ha un capitolo tutto suo per quanto riguarda la questione Champions. Come si può fare il dirigente di una squadra al top in Europa senza conoscere il regolamento delle competizioni europee? Il capitolo cessioni è quello che pesa di più sull’economia della squadra. La partenza di Balotelli nella passata stagione fu inspiegabile. Perché vendere un giovane campione in prospettiva e tenere uomini ormai logori? Quella di Eto’o ha una spiegazione molto chiara: il grosso buco di bilancio creato da una gestione poco oculata da parte della dirigenza.

CHI E’ RIMASTO E CHI POTEVA ARRIVARE – Sneijder è stato al centro del mercato per tutto il mese di agosto, sballottolato da una parte all’altra di Manchester. Il giocatore voleva lasciare i nerazzurri e le prestazioni e l’atteggiamento mentale (che incide anche sugli infortuni muscolari occorsogli in questa stagione) ne sono la prova certa. Un altro giocatore rimasto all’interno della rosa nerazzurra ma che sta offrendo prestazioni di basso livello è l’argentino Diego Milito che con molta probabilità saluterà i nerazzurri in estate: Genoa la possibile destinazione. Si spiega poco anche il basso impiego di Coutinho, giovane talento che in nazionale fa il fenomeno mentre all’Inter sembra un gattino spaurito e che per questo è stato spedito a farsi le ossa in Spagna. In mezzo al campo servono ricambi e allora perché non è stato preso Kucka, sedotto e abbandonato in poche settimane e che ha lasciato il segno nella mente del giocatore, autore di una stagione a dir poco al di sotto delle aspettative.

Tutti questi errori sommati potrebbero portare l’Inter a restare in difficoltà non solo in questa stagione ma anche nelle prossime. Serve una sterzata decisa, i soldi di Moratti e una dirigenza in grado di competere sul mercato: Oriali è in pole per un ritorno in nerazzurro.

Matteo Raimondi – www.calciomercatonews.com