Calciomercato Napoli, De Laurentiis: il 2011 un anno fantastico ma il 2012 spero sia pieno di vittorie

CALCIOMERCATO NAPOLI DE LAURENTIIS – Ormai non esistono aggettivi per definire la cavalcata del Napoli vissuta nell’anno che se ne va: straordinaria, sorprendente, stratosferica. Terzo posto in classifica, ritorno in Champions dopo ventuno anni, accesso agli Ottavi dopo aver superato un girone infernale. Ricordi dolci ed indimenticabili. Ci sarebbe tutto da conservare e di cui crogiolarsi. Ma la parola d’ordine di De Laurentiis rimane la stessa: «Programmare, continuare a crescere, guardare avanti». Il presidente degli azzurri in un’intervista eslusiva al Corriere dello Sport parla soprattutto di mercato.

L’acquisto di Vargas presuppone l’apertura di una nuova fase progettuale del club?
«L’acquisto di Vargas non rappresenta nessuna nuova fase progettuale del club. Ho sempre voluto investire su giocatori capaci di realizzare dei gol: Lavezzi, Cavani, Pandev, Hamsik. E ora è il momento di Vargas che quest’anno ha realizzato un bel bottino di gol».

E’ stato complicato soffiarlo alla concorrenza? C’è un segreto da rivelare della trattativa?
«No, perché siamo arrivati per primi: aveva capito che Napoli è una ribalta unica e non se la voleva perdere».

Come giudica il lavoro di Mazzarri? Pensa che gradirà lo sforzo economico compiuto dalla società per il cileno e l’arricchimento del parco attaccanti?
«Mazzarri apprezza sempre gli sforzi della società. E’ unfantastico allenatore che sa valorizzare i calciatori. Con lui, chi non lo è ancora diventa campione da Champions e i campioni da Champions riescono a rendere e a brillare più che altrove. E’ un grosso motivatore. Con Vargas farà benissimo. Ricordate cosa ha fatto con Cavani? Ha più che raddoppiato il numero di gol. Con lui, Vargas farà numeri straordinari. E poi, dobbiamo ancora far crescere i Fernandez, i Britos, i Fideleff».

Mercato di gennaio: resterete sempre vigili? Probabile qualche altra operazione?
«Ho sempre detto che il Napoli ha una finestra perennemente aperta sul mercato e che eventuali acquisti si realizzano anche per utilizzarli nella prossima stagione. Se esiste un vero affare, lo si fa anche lasciando il giocatore per il momento lì dov’è».

Stella Dibenedetto – www.calciomercatonews.com