Juventus, Buffon: il numero uno bianconero fa un bilancio della carriera. Ricordi più belli legati a Lippi; la delusione maggiore la finale di Manchester

JUVENTUS,BUFFON- Gigi Buffon si immagina nel futuro, e in un’intervista surreale rilasciata alle Iene (andrà in onda domani sera), fa un bilancio della sua carriera mettendo in evidenza i ricordi più belli e più amari accumulati in 16 anni di Serie A. Ricordi di Lippi? Marcello che allenatore è stato il massimo per me. Sinceramente è la persona che porto nel cuore. Cosa ho fatto con tutti i soldi che ho guadagnato? Abbiamo comprato degli stabilimenti balneari, abbiamo aumentato il parco di alberghi della nostra catena. Ricordi del campionato 2012? Che finale avvincente. Era un testa a testa tra noi e il Milan. Conte porta ancora il parrucchino? Ma che parrucchino. Lui aveva i capelli trapiantati, ma trapiantati molto bene. Il ricordo più bello? Sicuramente il Mondiale 2006 con quella cavalcata pazzesca. Il ricordo più brutto? La finale di Manchester contro il Milan non me la scorderò mai. Dove ho finito di giocare? A livello proprio agonistico nella Juve, però insomma anche gli ultimi due anni in America e l’ultimo in Cina sono stati delle esperienze di vita molto importanti. Da quanto ho smesso di giocare? Ormai sono passati trentatre anni, avevo quarant’anni quando ho smesso”

Stefano Auteri – www.calciomercatonews.com