Inter, Stramaccioni: siamo carichi, vogliamo vincere il derby. Zanetti in campo anche con una gamba sola

INTER STRAMACCIONI DERBY MILAN ALLEGRI – Ecco le parole rilasciate da Andrea Stramaccioni, tecnico dell’Inter, alla vigilia del derby di domani sera contro il Milan.

Quanta voglia c’è di giocare un derby? Ed è la partita più importante della sua carriera?
“La voglia di giocarla è tantissima, ma di più è quella di vincere questa partita. Per noi arriva in un momento in cui la nostra carica è al massimo. L’atmosfera? La città la vive e non solo, e data l’importanza della posta in palio credo sia una partita emozionante da vivere. Non vediamo l’ora di scendere in campo“.

Sarà una partita decisiva per il suo futuro?
Non dovete chiederlo a me; il mio futuro sarà giudicato in base al mio lavoro, il derby fa parte di questo lavoro e darà modo di avere un giudizio in più su di me e sui calciatori. E’ una partita dove tutto vale doppio, la nostra motivazione è al massimo“.

Dopo Parma i tifosi hanno parlato di favori a Milan o Juve. Da che parte si sbilancia?
Dico in lingua: ‘E’ l’è stess’… Per la partita non dico nulla, vedrete in campo“.

Meglio l’Europa League o un’estate più tranquilla per preparare il campionato?
Noi giochiamo due partite cruciali contro Milan e Lazio vogliamo fare sei punti. Alla fine vedremo che posizione occuperemo, però non facciamo calcoli né mi son stati segnalati casi così. Facciamo più punti possibile e poi vediamo…“.

Torna Zanetti, quanto è importante il suo rientro?
Voleva esserci a Parma, però col dottore abbiamo pensato di fermarlo. Ora è al 100% ma credo che avrebbe giocato anche con una gamba sola“.

Moratti le ha messo in tasca un foglietto con la formazione, dicendo che sapeva già come giocare. Era una battuta oppure è impossibile valutare?
(Tira fuori un foglio dalla tasca della tuta, ndr): “Era una battuta: lui è molto competente, e mi ha sorpreso. Ma anche alla vigilia ci può essere anche una sfumatura, data dal capire le condizioni dei giocatori. Però la formazione non l’ho pensata prima, e poi la decido io… Ad esempio Guarin aveva giocato quattro gare dopo l’infortunio prima di Parma, quindi in quest’ottica bisogna pensare alla migliore gestione possibile“.

Più decisiva per Stramaccioni o per Allegri?
Per lui non so, per noi sarà importante. Non mi piace scompormi dalle sorti della squadra, è importante per tutta l’Inter, non più per una e meno per un’altra parte“.

Matteo Bellan – www.calciomercatonews.com