Juventus, Barzagli: Lucio? È fortissimo, diamogli tempo

 

JUVENTUS BARZAGLI LUCIO / Pronti più che mai al primo vero esame della nuova stagione, i bianconeri di Conte si preparano studiando su video i movimenti degli 11 di Mazzarri.. “Abbiamo visto le loro ultime amichevoli e anche qualcosa delle partite dello scorso anno. Anche se dopo averli affrontati tre volte, più o meno sappiamo come giocano, ma serve per aumentare la concentrazione“, spiega Andrea Barzagli a Tuttosport. “Il Napoli è una grande squadra, ormai è una consolidata protagonista del nostro calcio e l’anno scorso l’ha dimostrato. E’ sempre insidiosa da affrontare perché ha un gioco molto veloce e ha ottime individualità. Dovremo essere al top per batterli, perché loro stanno attraversando un buon momento“. Tranquillo e sicuro di se, Barzagli, la vera rivelazione della Juventus vincente di Conte, prosegue: “Ora sto bene. E’ stata un’estate un po’ difficile dopo il problemino muscolare dell’Europeo, ma ora ho pienamente recuperato e mi sembra che tutto fili liscio“. Anche dal punto di vista psicologico: “Ma sì, non viviamo nessuna tensione per le vicende di Scommessopoli. Spero che, come sembra, per Pepe e Bonucci finisca tutto con un’assoluzione, ma al di là di questo non stiamo pensando a quella vicenda, ma solo alla partita. Vedo tutti sereni, sia l’allenatore che i miei compagni, ma soprattutto sento l’ambiente che si concentra sulla partita e basta. Conte, per altro, non mi sembra diverso dal solito, ha sempre in mente la vittoria. Vuole vincere a tutti i costi questa finale“. Alla fine sarebbe una difesa titolare o quasi (mancherebbe il solo Chiellini) ad affrontare i temibili attaccanti del Napoli: Barzagli, Bonucci e Lucio. Già, Lucio. Nelle prime uscite ha fatto rabbrividire i tifosi bianconeri con un paio di svarioni da vecchia edizione di “Mai dire gol”. Considerate condizioni e circostanza, niente di cui preoccuparsi veramente, ma i tifosi mormorano e Barzagli li zittisce: “Lucio è fortissimo. E poi ha portato altra mentalità vincente, perché in questi anni è stato sempre ad altissimi livelli. Come giocatore, poi, non si discute. Le papere? Ma andiamo, è calcio d’agosto e la preparazione di Conte, al primo impatto, può essere durissima. Ne so qualcosa io che l’anno scorso l’ho patita. Vedrete, farà bene“.

Fabio Alberti – www.calciomercatonews.com