Milan, esclusiva Crudeli: “Allegri colpevole della crisi ma non è l’unico, se il Milan non si dovesse qualificare in Champions non so cosa accadrà!”

Hellas Verona FC v AC Milan - Serie A

 

ESCLUSIVA MILAN – La redazione di Calciomercatonews.com ha contattato in esclusiva Tiziano Crudeli, noto opinionista e grande tifoso rossonero, che ha parlato del brutto momento che sta attraversando il Milan, del mercato di gennaio e non solo.

 

Ieri al Tardini è arrivata l’ennesima sconfitta stagionale per il Milan, che squadra ha visto?

 

“Una squadra che commette sempre gli stessi errori, i  numeri parlano chiaro, il numero di gol subiti in questo avvio di stagione è altissimo, c’è un problema non indifferente nella fase difensiva.”

 

Dopo la vittoria con l’Udinese e il pareggio con il Barcellona in molti pensavano che il Milan potesse cominciare la rincorsa alla zona Champions come accaduto l’anno scorso, ma così non è stato. Qual’è il problema di fondo di questa crisi?

 

“Difficile stabilirlo, in realtà penso che ci siano cause molteplici. Se questa squadra pareggia 1-1 con il Barcellona e a distanza di pochi giorni ne prende 3 dal Parma significa che dal punto di vista della concentrazione e dell’approccio alla gara qualcosa non va e di questo sicuramente è responsabile l’allenatore, ma non credo sia l’unico colpevole onestamente.”

 

La società sembra essere molto attiva per il mercato di gennaio, dove potrebbero arrivare 3-4 potenziali titolari. Questo significa che il mercato estivo è stato insufficiente?

 

“Quando dico che Allegri non è l’unico responsabile mi riferisco anche a questo, se una società deve correre ai ripari in modo robusto a gennaio sicuramente qualcosa è andato storto. Molti giocatori non hanno dato il contributo sperato.”

 

Se però la squadra non dovesse mettersi in carreggiata subito e iniziare a fare punti gennaio potrebbe essere troppo tardi per la rincorsa alla zona Champions…

 

“E’ vero, per questo credo che la squadra dovrebbe pensare a fare punti subito e pensare partita per partita, senza fare progetti a lungo termine, almeno non per il momento.”

 

A suo avviso cosa succederebbe se il Milan non dovesse riuscire a qualificarsi alla prossima Champions League? La proprietà tornerebbe ad investire per riportare la squadra competitiva o ci sarebbero altre ulteriori cessioni per colmare la mancanza di introiti provenienti dalla Champions?

 

“Difficile dirlo, da tifoso ovviamente spero che il Milan possa tornare ad essere competitivo ai massimi livelli, ma purtroppo in questi anni non abbiamo a disposizione le risorse per acquistare i grandi campioni. Difficile fare previsioni adesso.”

 

A tal proposito l’Inter ha da poco ceduto a Thoir, è possibile che anche il Milan decida di cedere una quota ad investitori esteri?

 

“Si è possibile, credo che la proprietà si stia già guardando intorno, ma bisogna trovare l’investitore giusto. Credo che si voglia cedere solo il 20-30% della società, ma credo che non sia una cosa imminente, per ora la cosa migliore è guardare al presente, fare i conti con quello che abbiamo.”

 

Enrico M. Andreani – www.calciomercatonews.com