ESCLUSIVA – Crudeli a CMnews.com: ‘Via Seedorf, punterei su Inzaghi e sulla crescita di Balo!’

AC Milan v Bologna FC - Juvenile Match

 

ESCLUSIVA MERCATO MILAN – La redazione di Calciomercatonews.com ha contattato in esclusiva Tiziano Crudeli, noto opinionista e grande tifoso del Milan, che ha parlato dell’attuale momento dei rossoneri e del prossimo mercato.

 

Il Milan venerdì scorso è uscito sconfitto da Roma complicando la corsa al quinto e sesto posto. Quante possibilità ci sono che i rossoneri raggiungano l’Europa League?

“Credo poche, ma onestamente non ne faccio un dramma, anzi se volete il mio modesto parare vi dico che per iniziare un nuovo ciclo serve tempo e giocare l’Europa League durante la settimana spesso non aiuta. Se la squadra ripartirà con serenità avendo la possibilità di giocare soltanto il campionato credo che possa trarne benefici dal punto di vista dei risultati.”

 

Lei parla di nuovo ciclo, ma a molti non è ancora chiaro se a guidare la rinascita rossonera sarà Seedorf oppure no. Lei che idea si è fatto in merito?

“Io continuo a sostenere che un grande giocatore non per forza sarà anche un grande allenatore, Seedorf a mio avviso in questi primi mesi di Milan ha commesso diversi errori e ha pagato una presunzione tattica evidente. Onestamente non credo che verrà riconfermato.”

 

Tra i possibili sostituti dell’olandese sembra essere forte la candidatura di Inzaghi, è giusto puntare su Pippo o dopo l’esperienza Seedorf preferirebbe affidarsi ad un tecnico più esperto?

“Io credo che Inzaghi possa essere il profilo giusto, è uno molto ambizioso e conosce bene l’ambiente, inoltre mi sembra molto in sintonia con tutta la dirigenza. Detto questo io credo che bisognerà comunque avere pazienza, nessuno nasce imparato e non si potrà pretendere da subito che ottenga risultati incredibili, dovrà essere una crescita costante sua e della squadra. Non dovrà essere un progetto a lungo termine, ma a medio si, non si può chiedere a Pippo di vincere subito o di ottenere risultati stratosferici.”

 

Il rilancio del Milan dovrà inevitabilmente passare anche dal mercato, lei cosa si aspetta dalla prossima campagna acquisti?

“Se si vuole tornare grandi la squadra va migliorata sicuramente, questo è innegabile, ma tutti sappiamo che di questi tempi le risorse non sono tante e di conseguenza non mi aspetto un mercato faraonico. Sarà un mercato oculato, l’importante sarà lavorare bene sia in entrata che in uscita, perchè spesso per prendere grandi giocatori non è indispensabile spendere molto.”

 

Si aspetta qualche cessione illustre oppure i pezzi pregiati resteranno tutti a Milanello?

“A questa domanda è difficile dare delle risposte, va detto però che se vendi anche i pezzi pregiati, o comunque i titolari la squadra dovrà cambiare molto, perchè a quel punto bisognerà sia sostituire i partenti che migliorare i reparti che necessitano rinforzi.”

 

Uno dei possibili partenti, nonchè uno dei giocatori più discussi, resta Mario Balotelli. Giusto continuare a puntare su di lui o sarebbe meglio cederlo?

“Balotelli è un giocatore molto discusso e sempre al centro del mirino, ma a mio avviso è un grande talento e prima di cederlo ci penserei cento volte. Non è ancora un grande campione, ma ha potenzialità enormi, se dovesse partire non sarà facile sostituirlo.”

 

Enrico M. Andreani – www.calciomercatonews.com