ESCLUSIVA – Marocchino a CMnews.com: ‘Benfica ai livelli della Juve se non meglio. In Europa manca..’

ACF Fiorentina v Juventus - UEFA Europa League Round of 16

 

ESCLUSIVA JUVENTUS – La Juventus ieri sera non è andata oltre lo 0-0 contro il Benfica e in virtù del risultato dell’andata è stata eliminata dall’Europa League. Per indagare sulle cause delle tante difficoltà incontrate dai bianconeri nel cammino europeo di questa stagione, la redazione di Calciomercatonews.com ha contattato in esclusiva Domenico Marocchino, ex calciatore e noto opinionista, che ci ha parlato della partita di ieri e non solo.

 

Zero a zero in casa e Juventus eliminata dall’Europa League, cosa è mancato ai bianconeri per superare il Benfica?

“Io ieri sera ho visto una buona Juventus, che giocava contro una squadra molto importante e che quindi ero sicuro avrebbe dato filo da torcere ai bianconeri. Voglio ricordare che il Benfica, l’anno scorso ha perso in finale, per cui si conferma una squadra dalla grande tradizione europea. Non è mancato qualcosa in particolare, semplicemente c’è stata una sfida equilibrata che ha visto leggermente superiori i portoghesi, fa parte del calcio.”

 

La Juventus va fortissima in campionato, ma spesso durante la stagione in corso ha avuto difficoltà in ambito europeo, da cosa deriva secondo lei questa netta differenza?

“Sono una serie di fattori, intanto credo che la Juventus gioca un calcio molto efficace per il campionato italiano ma meno adatto ad impegni europei, inoltre bisogna prendere atto che ci sono dei campionati più competitivi rispetto al nostro, che di conseguenza vantano squadre più preparate rispetto alle nostre.”

 

Una delle principali cause degli scarsi risultati europei è secondo molti da attribuire al modulo utilizzato dai bianconeri. Quando parla di un calcio poco adatto alle manifestazioni europee, si riferisce a questo?

“In parte si, è chiaro che con un 3-5-2 spesso si difende in cinque, per cui nelle ripartenze gli esterni ci badano più tempo per trovarsi in zona offensiva e questo rallenta molto. Ma più che una questione di modulo, sia anche una questione di come esso viene interpretato, servono giocatori con le giuste caratteristiche.”

 

Enrico M. Andreani – www.calciomercatonews.com