Home Archivio articoli Inter, Juan Jesus su Chiellini: ‘Ha chiesto la mia squalifica, pessimo esempio...

Inter, Juan Jesus su Chiellini: ‘Ha chiesto la mia squalifica, pessimo esempio di sportività’

CONDIVIDI

Juventus v FC Internazionale Milano - Serie A

Parole dure quelle di Juan Jesus nei confronti di Giorgio Chiellini, dopo che la Corte Sportiva d’Appello Nazionale ha respinto il ricorso presentato dall’Inter per la squalifica commissionata al difensore nerazzurro per la gomitata allo juventino. Il giocatore ha affidato ad un lungo post sul suo profilo Facebook il suo rammarico per il gesto, ma non perdona l’avversario, reo, a suo dire, di aver chiesto la squalifica.

Ecco le sue parole: ‘Amici interisti, tifosi di tutte le squadre
Vorrei scrivere per dire alcune cose riguardo alla conferma delle 3 giornate di squalifica che devo scontare per via dello scontro di gioco a Torino del 6 gennaio. Ho aspettato qualche giorno prima di esprimermi per rispetto del lavoro di chi doveva giudicare e per osservare le cose con maggiore lucidità.
Innanzitutto chiedo scusa se il mio gesto, assolutamente involontario, ha colpito qualcuno per la sua forza. L’ho chiarito anche ad avvocati e giudici. Stavo guardando la palla che era in arrivo dal calcio d’angolo e volevo proteggermi dai blocchi. Nemmeno ho visto quel difensore della Juve arrivare. Guardate le immagini, non tolgo lo sguardo dal pallone. Come posso colpire un avversario senza guardarlo? Per questo mi aspettavo una decisione diversa soprattutto notando in questi stessi giorni altri gesti molto più gravi del mio che hanno peró ricevuto la medesima sanzione. Questo non è giusto.
Seconda cosa. Chiedo scusa ai miei compagni e ai tifosi dell’Inter. Quello che mi fa più male è sapere che non potró essere con loro nelle prossime partite. Lasciarli in questo momento mi addolora oltre ogni turno di squalifica.
Per ultima una considerazione doverosa. Ho già spiegato che non volevo colpire apposta il mio avversario. E l’ho detto al fischio finale anche a lui. Uno che poi ha sempre ripetuto nella sua carriera: quello che succede in campo resta in campo.
Ecco, vederlo andare in televisione a “chiedere” la mia squalifica, la punizione per un collega, mi ha veramente rattristato. Sentirlo “chiamare” il Giudice (per vedere se squalificava anche me come lui in passato) penso rappresenti un pessimo esempio di sportività, classe, STILE. Un gesto peggiore anche di una gomitata VERA.
E per questo lo ringrazio. Oggi sono più interista che mai
’.

Guiorgio Rea- Calciomercatonews.com