Home News IL PUNTO SULLA LIGUE 1 – Bielsa e l’OM: c’eravamo tanto amati

IL PUNTO SULLA LIGUE 1 – Bielsa e l’OM: c’eravamo tanto amati

CONDIVIDI

Marseille's Argentinian head coach Marcelo Bielsa looks down during the French L1 football match between Olympique de Marseille and Stade Malherbe de Caen on August 8, 2015 at the Velodrome stadium in Marseille, southern France. Marcelo Bielsa stunned French football on August 8 when he quit as coach of Marseille just minutes after his team had lost their season opener 1-0 at Caen. "I have resigned from my post as manager of Marseille," the Argentine announced at the end of his post-match news conference. AFP PHOTO / BERTRAND LANGLOIS        (Photo credit should read BERTRAND LANGLOIS/AFP/Getty Images)

E si riparte, altro giro, altra corsa, questa Ligue 1 è davvero una giostra. Meno lucine, ma c’è comunque da divertirsi. Campionato aperto dalla vittoria del Psg sul Lille, ma ne parleremo dopo, la grande notizia di questo turno viene da Marsiglia. Città dalla violente passioni, solo un pazzo prenderebbe posto su quella panchina ma la situazione è diventata evidentemente insostenibile anche per un “Loco” di professione. Esordio da psicodramma per l’OM, che ne busca dal Caen (13esimo lo scorso anno) al Velodrome e che dopo il triplice fischio vive momenti ancora più tesi. Marcelo Bielsa si è dimesso subito dopo la partita ma dietro questa scelta non ci sarebbe il risultato sportivo, bensì una situazione lavorativa “inaccettabile”, con tanto di riferimento a offerte remunerative rifiutate per restare al Velodrome.

La sconfitta è solo la ratifica di un amore finito, stavolta non sembrano esserci margini per ricucire come accaduto alcuni mesi fa dopo schermaglie con la società. El Loco ha consegnato una lettera al presidente Vincente Labrune per spiegare il proprio punto di vista, oggetto della discordia sarebbe la modifica di alcune clausole del contratto che avrebbe prolungato la permanenza del tecnico fino al 2017. Il rapporto comunque era già compromesso da tempo, si è capito quando l’ambiente è franato lo scorso anno in piena lotta per il titolo, la conferma è arrivata con un mercato non gradito al mister. Ora volano piatti in casa OM, il club fa sapere di non intendere “sottomettersi alla legge di un solo uomo”. Replica legittima, ma fu proprio la leadership dell’uomo forte a riportare la Marsiglia calcistica ai livelli di un tempo. E chi ha seguito la scorsa Ligue 1 su calciomercatonews.com sa di cosa parliamo. Si prospettano mesi duri a Marsiglia, in queste ore si fa un gran parlare dell’ipotesi Zidane: una scommessa. Sarà abbastanza pazzo per l’OM?

Facciamo un salto a venerdì per commentare l’anticipo del Psg, mai prima ora vittorioso alla prima nella gestione Al Khelaifi. I capitolini non sono distratti dalle voci di mercato, Ibra o non Ibra questa è una squadra che ha valori fuori parametro in Ligue 1. Neppure la demenziale espulsione di Rabiot, doppio giallo in pochi minuti, mina le certezze di questo carrarmato. A Lille gioca bene anche David Luiz, il gol di Lucas è un manifesto di superiorità tecnica, combinazione deliziosa tra il brasiliano, Cavani e Matuidi. Vinta la Supercoppa, archiviato l’esordio, i parigini la prossima settimana ospiteranno il Gazelec Ajaccio: con tutta probabilità, altri tre punti in cassaforte. Pure il Montpellier, come l’OM, subisce un brutto scherzetto alla prima. In questo caso la pugnalata arriva addirittura da una neopromossa, l’Angers di Stéphane Moulin. Dal titolo conquistato con René Girard in panchina e Olivier Giroud in attacco sono passati solo quattro anni, ma a Montpellier quel successo è già un lontano ricordo. Courbis dovrà dare subito la scossa o saranno guai.

Bene il Bastia, che può confermare la salvezza tranquilla dell’anno scorso, il Lione invece fatica nel posticipo domenicale e non va oltre il pari. I vice-campioni di Francia non partono con il piede giusto, la fortuna però non ha sorriso. Porta del Lorient stregata, clamoroso il doppio palo colpito al quarto d’ora. Poco male, ci saranno le occasioni per rifarsi, tanto più che Lacazette ha rinnovato il contratto: “Sono onorato e fiero di aver rinnovato il mio contratto con questo club. Ora smetterete di parlare di calciomercato – ha detto l’attaccante – e magari inizierete a parlare dei miei gol”. Di sicuro anche il pubblico dello Stade de Gerland non vede l’ora di commentare le sue gesta. Confermare lui e Fekir è il grande colpo dell’OL.

Caldo, anzi rovente, il Derby della Costa Azzurra tra Nizza e Monaco. Uno scontro così fa venire voglia di mare, beato chi è in vacanza in queste splendide località. All’Allianz Riviera però non c’è affatto un clima rilassante e lo si capisce osservando un paio di dati. Quattro gialli, un espulso e quattro cambi. Nel solo primo tempo. Si vede di tutto nei primi 45, tranne il calcio, a inizio match c’è il gol dell’ex, Germain, che infila la squadra dove ha passato una vita alla prima da giocatore del Nizza (è in prestito, il suo cartellino è ancora di proprietà monegasca. Speriamo non prendano male lo sgarro), poi calcioni a ripetizione, con i rossoneri che la buttano sull’agonismo e i biancorossi imbrigliati. Pure Pouplin, portiere di casa, deve essere sostituito.

Entra El Shaarawi, che delizierà il pubblico con numeri d’alta scuola, compresa una girata che impegna Hassen – entrato per Pouplin – in corner. Prima della sosta la svolta, la regala Olivier Boscagli, ragazzino nel giro dell’Under 19 francese, nato a Monaco e – a quanto pare – pure tifoso biancorosso. Buffi intrecci del destino. Doppio giallo figlio dell’inesperienza, ha ancora le spalle strette per battaglie simili. Il Monaco ribalta la situazione con Bernardo Silva e Kurzawa, uomini mercato che l’ASM ha saputo trattenere. La partenza di Kondogbia non ha rotto il giocattolo, Jardim può consolarsi con i suoi gioielli, vecchi e nuovi. E non dimentichiamoci Carrillo, colpo dall’Estudiantes.

Ligue 1, prima giornata

Lille-Psg 0-1 [57′ Lucas]
Troyes-Gazalec Ajaccio 0-0
Nizza-Monaco 1-2 [7′ Germain (N), 51′ Silva (M), 62′ Kurzawa (M)]
Nantes-Guingamp 1-0 [89′ aut. Sorbon]
Montpellier-Angers 0-2 [5′ Camara, 79′ Sunu]
Marsiglia-Caen 0-1 [27′ Delort]
Bastia-Rennes 2-1 [40′ Sio (R), 50′ Ayite (B), 70′ Kamano (B)]
Tolosa-Saint-Etienne 2-1 [18′ Perrin (ST), 26′ Braithwaite (T), 53′ Ben Yedder (T)]
Bordeaux-Reims 1-2 [41′ Khazri (B), 80′ de Preville (R), 87′ Siebatcheu (R)]
Lione-Lorient 0-0

Paolo Bardelli – calciomercatonews.com