Gemania 2006, si abbatte lo scandalo: voti comprati per l’assegnazione?

Italian defender Fabio Cannavaro (C) cel

Uno scandalo di proporzioni epiche si sta abbattendo, proprio in queste ore, sulla Germania del calcio. Secondo un’inchiesta portata avanti dal noto media tedesco Der Spiegel, ci sarebbe l’ombra della corruzione in merito all’assegnazione al paese europeo del mondiale di calcio del 2006. Proprio come accaduto in tempi più recenti per il Qatar, la Germania, spiega Der Spiegel, avrebbe comprato a suon di milioni i voti di alcuni rappresentanti della FIFA grazie ad un fondo nero che sarebbe stato istituito anche dall’allora CEO della Adidas, Robert Louis-Dreyfus. I soldi sarebbero serviti per convincere 4 rappresentanti asiatici della FIFA a votare per la Germania e permettere che il mondiale del 2006 si potesse disputare proprio nel paese teutonico. Una terribile vicenda che smaschera ancora una volta le magagne all’interno della federazione internazionale del calcio e che potrebbe portare a conseguenze terribili. Oltre ad una feroce sanzione per la federcalcio tedesca, se dovesse essere verificata l’irregolarità di quei campionati, si potrebbe arrivare a cancellare dall’albo d’oro la manifestazione, un’ipotesi che farebbe tremare la nazionale italiana di calcio che, proprio in quell’edizione, si laureò campione del mondo.