Inter-Bologna, Mancini: ‘Qui ho gli stimoli giusti. Jovetic? Ecco quando tornerà’

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:45
CONDIVIDI
©Getty Images
©Getty Images

L’allenatore dell’Inter Roberto Mancini ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro il Bologna. Ecco le sue dichiarazioni: “Faccio un lavoro che mi piace. Gli stimoli si trovano tutti i giorni  e all’Inter ce li ho. Come tutti possiamo prendere decisioni giuste o sbagliate, il risultato purtroppo cambia pensieri e opinioni”.

SUL BOLOGNA – “Il Bologna si merita una squadra forte dopo anni. Donadoni è un bravo allenatore e ha fatto un grande lavoro. Sarà una partita difficile, non possiamo già pensare alla Roma. Il Bologna è una squadra difficile da affrontare in questo momento, ha trovato il modulo giusto ed è uscita in fretta dalla zona bassa della classifica. Ora, le gioca tutte al massimo senza rischiare di perdere. E’ difficile fargli gol e davanti ha Destro, Giaccherini, Mounier…”.

SUL TERZO POSTO – “Fioretto per il terzo posto? No, i fioretti si fanno per cose più importanti”.

SU LJAJIC – “Quando sa di poter giocare, si allena bene. Il corpo in campo c’era… A me piace allenare giocatori come lui, spero che possa migliorare sempre ogni giorno. E’ un calciatore molto bravo tecnicamente, che fa divertire quando gioca”.

SU TELLES E ICARDI – “E’ difficile parlare di mercato e di quello che potrà succedere. Su Telles puntiamo molto, ha grandi possibilità. Poi, dipende dall’accordo tra le due società. Icardi ha un contratto lungo con l’Inter, non credo ci siano problemi”.

SU SAPUTO – “Lo conosco grazie a un amico comune, da prima che prendesse il Bologna. Non lo conosco benissimo, ma sono contento abbia acquistato il club dove io sono cresciuto calcisticamente. Tornare a Bologna come allenatore? Non lo so, vediamo ciò che accadrà. Sono ‘bollito’ ma qualche anno ancora lo farò”.

SU MIRANDA, COPA AMERICA e OLIMPIADI – “Parleremo con Dunga, mi sembra abbastanza difficile che Miranda giochi anche le Olimpiadi. Avrebbe bisogno di un po’ di vacanze”.

SU SORIANO – “Soriano ha un po’ più di esperienza rispetto a Brozovic e ha dimostrato di avere qualità importanti. Brozovic deve crescere molto, ma ha prospettive enormi. Soriano ora è un po’ più avanti, ma Brozovic avrà un grande futuro”.

Stella Dibenedetto – www.calciomercatonews.com