Nizza, Balotelli show: ‘Giusto non convocarmi, Milan disorganizzato’

CONDIVIDI
Balotelli © Getty Images
Balotelli © Getty Images

Più carico che mai dopo una partenza a dir poco straordinaria con la maglia del Nizza, Mario Balotelli è tornato anche a parlare pubblicamente. In un’intervista rilasciata a Sky Sport in occasione della sua visita a casa Ferrari, a Maranello, ha così parlato a tutto tondo: “Dalla Nazionale ci manco da un po’, ma era giusto che non fossi convocato perché non lo meritavo, così come questa volta. E’ meglio che il mister mi convochi la prossima volta, voglio essere al top. Impossibile far innamorare il popolo italiano. Non ci riuscirei neanche se vincessi il Mondiale e l’Europeo. Sono ancora arrabbiato con Prandelli per la sostituzione al Mondiale contro l’Uruguay. In Nazionale non ho alcun problema con i senatori dello spogliatoio. Il team manager della Nazionale, Oriali, mi ha telefonato”.

PARLA BALOTELLI: “MILAN DISORGANIZZATO”.

“Gli ultimi due anni al Liverpool e al Milan – spiega SuperMario –  non erano ambienti ideali per me, non ho fatto errori dal punto di vista tecnico e comportamentale a parte gli infortuni. Mi sono trovato in due posti dove non stavo bene, questo era il problema. Non c’era una persona con cui mi sono trovato male, il problema al Milan è l’organizzazione. Penso, invece, che ci sia una persona fenomenale come Adriano Galliani tutto il resto è in confusione, Galliani va via? Pensa allora quanto sono in confusione”.