Home Calciomercato Juventus Calciomercato Juventus, occasione Lemar: i bianconeri ci pensano

Calciomercato Juventus, occasione Lemar: i bianconeri ci pensano

CONDIVIDI

Calciomercato Juventus, occasione Lemar: i bianconeri ci pensano

Lemar calciomercato Juventus
Thomas Lemar @ Getty Images

Thomas Lemar, giocatore francese dell’Atletico Madrid, potrebbe lasciare i Colchoneros prima del previsto

Thomas Lemar, centrocampista offensivo francese dell’Atletico Madrid, arrivato in estate per 70 milioni di euro dal Monaco, non sembra essersi integrato al meglio all’interno del sistema vincente del Cholo Simeone. L’allenatore argentino ha anche redarguito Lemar in un’intervista rilasciata a ‘France Football’, rimproverandolo di badare poco al sodo e di non pensare molto al bene della squadra. Parole non certo leggere quelle dell’ex giocatore di Inter e Lazio e che potrebbero spingere Lemar a guardarsi altrove nelle prossime sessioni di calciomercato. Per altre notizie sulla Juventus —> clicca qui!

Calciomercato Juventus, cosa può dare Lemar dal punto di vista tattico

Thomas Lemar ha dimostrato tutte le sue qualità offensiva con la maglia del Monaco nelle scorse stagioni. Classe 1995, il giocatore francese può giocare anche nel ruolo di mezz’ala, con una predilezione per l’attacco, o posizionarsi sulla fascia. Improbabile ma non impossibile che Allegri possa fare con Lemar un lavoro simile a quello operato tatticamente su Juan Cuadrado. Il colombiano infatti, dal suo approdo alla Juventus, è stato schierato anche da terzino dal tecnico livornese. Con la presenza di Cristiano Ronaldo infatti, è più probabile che, se Lemar dovesse essere schierato in fascia, potrebbe scalare sulla linea difensiva, vista anche la situazione contrattuale in bilico di Alex Sandro. In mediana invece, Lemar raccoglierebbe l’eredità di Sami Khedira, spesso colpito da infortuni e ormai alla soglia dei 32 anni. Il nodo resta il prezzo. L’Atletico Madrid ha dovuto sborsare un’ingente cifra per il francese, 70 milioni, e potrebbe non accettare eccessive minusvalenze.

Giorgio Trobbiani