Calciomercato Milan, Cutrone non ha spazio: gli scenari per giugno

Calciomercato Milan, traffico per Cutrone: in estate può partire

Suso e Cutrone (Getty Images)

L’esplosione di Piatek ha ridotto ulteriormente gli spazi per Cutrone, che ora potrebbe fare le valigie in estate

Krzysztof Piątek continua a essere il fenomeno del momento in Serie A. Il polacco, nonostante il passaggio dal Genoa al Milan, segna gol a raffica e ieri sera non ha fatto eccezione contro l’Empoli. I rossoneri volano in classifica, ma a essere scontento è Patrick Cutrone. L’attaccante classe ’98, tra l’arrivo di Higuain e quello di Piatek, è stato messo un po’ in disparte. L’esperimento con la doppia punta non ha entusiasmato Gattuso, a maggior ragione adesso che il polacco è più simile a Cutrone di quanto lo fosse il Pipita. L’ex Primavera resta un’arma importante per il Milan, ma a 21 anni ha bisogno di giocare con regolarità per crescere, di qualcuno che punti totalmente su di lui. I rossoneri non possono garantire questo impiego a Cutrone, che ormai trova spazio col contagocce e ora può pensare all’addio come unica alternativa per la sua carriera.

Per le ultime notizie sui trasferimenti del Milan—> clicca qui!

Calciomercato Milan, dalla Samp alla Fiorentina: ecco chi punterebbe su Cutrone

Difficile, tuttavia, che il Milan lasci partire Cutrone in maniera definitiva. Per il giovane bomber si prospetterebbe, dunque, una cessione in prestito: facile immaginare che fuori da Milanello si formerà una lunga fila per l’attaccante che ha da poco compiuto 21 anni. Con questi presupposti la Sampdoria potrebbe farci più di un pensierino, con Quagliarella che tira ancora la carretta ma ha 36 anni e non è eterno. Cutrone potrebbe essere l’erede ideale in una piazza prestigiosa e importante come quella di Genova. Discorso simile per la Fiorentina, con Simeone che ha perso il posto e potrebbe partire. Da non sottovalutare l’opzione Atalanta, che dovrà resistere agli assalti per Duvan Zapata. All’estero si era parlato di Atletico Madrid, ma resta una pista molto difficile da percorrere. Più facile pensare a squadre come Valencia e Siviglia, con cui il Milan è in ottimi rapporti.