Home Mercato Inter Calciomercato Inter e Roma, retroscena Corsi: “C’erano prima loro”

Calciomercato Inter e Roma, retroscena Corsi: “C’erano prima loro”

CONDIVIDI

Calciomercato Roma e Inter, il clamoroso retroscena arriva direttamente dal presidente dell’Empoli, Fabrizio Corsi: “Di Lorenzo? C’erano prima loro”

Di Lorenzo (Getty Images)
Di Lorenzo (Getty Images)

La scorsa stagione è stato uno dei terzini più in forma del campionato, una vera e propria sorpresa per il nostro calcio, grazie alle sue qualità in fase difensiva ed offensiva. Rapido, fisico, bravo tecnicamente e concentrato in marcatura: Giovanni Di Lorenzo sembra il prototipo del terzino moderno, nonostante sia arrivato nel grande calcio con colpevole (non suo) ritardo. Un calciatore che l’Empoli pescò due anni fa dal Matera e che sin da subito ha stupito tutti gli addetti ai lavori con la sua grande abnegazione al lavoro. Una gemma nascosta, che il Napoli ha subito colto, una settimana dopo la chiusura dell’ultimo campionato, aggiudicandosi il terzino toscano per soli 12 milioni di euro. Una cifra, che evidentemente rammarica ancora il presidente dell’Empoli, Fabrizio Corsi, come raccontato in una sua intervista ad una nota emittente campana.

Per tutte le ultime notizie sul mercato del Milan CLICCA QUI!

Calciomercato Inter e Roma, Corsi: “Di Lorenzo? Il Napoli è stato più sveglio”

Così, intervenuto ai microfoni di ‘Radio Punto Nuovo’, Fabrizio Corsi ha clamorosamente rivelato un incredibile retroscena di calciomercatoDi Lorenzo? Ha avuto una crescita fenomenale, ma ho un solo rimpianto. Non avrei dovuto cederlo subito dopo la fine del campionato. Sono stati bravi Cristiano (Giuntoli ndr) e De Laurentiis a convincere subito il ragazzo, ma se avessi aspettato un’altra settimana… Su Giovanni c’erano altri club. Doveva andare ad una tra Roma, Inter e Atletico Madrid, che mi avrebbero offerto anche qualcosa in più rispetto al Napoli. Aurelio è stato più sveglio”. Ecco svelato l’arcano: Roma, Inter e Atletico Madrid sono andate vicinissime dal prendere Di Lorenzo, ma il Napoli è stato più rapido e scaltro nell’anticipare la concorrenza.

A.M.