Home News Brescia-Juventus, la conferenza stampa di Sarri: “Ecco cosa hanno Ronaldo e Higuain”

Brescia-Juventus, la conferenza stampa di Sarri: “Ecco cosa hanno Ronaldo e Higuain”

CONDIVIDI

Segui in DIRETTA LIVE su Calciomercatonews.com, a partire dalle ore 13,30, la conferenza stampa di presentazione di Brescia-Juventus di Maurizio Sarri

conferenza Sarri
Maurizio Sarri (Getty Images)

Dopo la vittoria sofferta e di misura (2-1) arrivata contro l’Hellas Verona, la Juventus sarà impegnata sul campo ostico di Brescia che ritroverà Mario Balotelli. Calciomercatonews.com vi offre la conferenza stampa di Maurizio Sarri in diretta LIVE. Aggiornamenti in tempo reale a partire dalle 13,30.

Per le ultime news legate al mercato e non solo CLICCA QUI!

SULLA POSSIBILITA’ DI CAMBI PER DOMANI – “Voglio vedere i dati prima: non serve andare a cercarsi infortuni. Oggi valuteremo, ieri i ragazzi hanno fatto defaticante”.

SUL BRESCIA – “E’ una squadra pericolosa: stanno facendo bene. Balotelli può portare entusiasmo. Incontrare avversari del genere è complicato”.

SUL POSSIBILE TURNOVER DI BONUCCI, MATUIDI E RONALDO – “Devo vedere i numeri prima: Ronaldo ieri aveva un leggero affaticamento. Vediamo”.

SULLA SQUADRA – E’ una squadra in evoluzione, bisogna trovare le caratteristiche nei calciatori. Come ho sempre detto, l’adattamento di una squadra ai principi dell’allenatore è soggettivo”.

SU HIGUAIN – “Fortunatamente non si è fratturato il setto nasale: dovrebbe essere a disposizione. Il problema era quello relativo alla respirazione durante le partita”.

SU MATUIDI – “Per noi è diventato fondamentale in costruzione. Anche Costa lo stava diventando ma poi si è infortunato. Chiellini ci sta mancando tanto”.

SUL MONDO JUVENTUS – “Sono mondi di persone. Esistono anche in altre situazioni: anche al Chelsea chiedono di vincere. Esistono poi cose tecniche. Bisogna capire le caratteristiche di tutti i calciatori: alcune si capiscono lavorando.

SULL’INTER – “Ieri ho guardato il Brescia fino alle 22.30. Le altre squadre, che non ci sono legate, non le ho seguite. Sapevamo che la Serie A sarebbe stata difficile quest’anno”.

SULE DIVERSITA’ IN CAMPIONATO DAL SUO RITORNO IN SERIE A  – “E’ normale che le squadre provino a proporre il loro calcio nella prima parte di stagione. Con il passare del tempo vedremo come andranno le cose”.

S.D.