Home Mercato Inter Inter, Sensi dipendente: blackout nerazzurro dopo l’uscita del centrocampista

Inter, Sensi dipendente: blackout nerazzurro dopo l’uscita del centrocampista

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:42
CONDIVIDI
Stefano Sensi Inter (Getty Images)
Stefano Sensi Inter (Getty Images)

Le ottime prestazioni del centrocampista arrivato dal Sassuolo hanno fatto diventare l’Inter dipendente da Sensi: esce per infortunio e la squadra crolla

Trovare punti fermi in una squadra non è mai semplice, sopratutto se in rosa ci sono molti giocatori di qualità. L’Inter di Antonio Conte può vantare molti talenti in squadra, ma il suo punto di riferimento sembrerebbe averlo trovato in Stefano Sensi. Il centrocampista ex Sassuolo attraverso le prestazioni ed i gol è riuscito a conquistare il mister ed i tifosi. Ora la squadra sembra dipendere da lui, come testimoniato domenica. Al 34′ Sensi avverte un fastidio muscolare e viene sostituito da Vecino, da quel momento la squadra nerazzurra cala e la Juventus diventa padrona del campo. Da valutare i tempi di recupero del numero dodici, ora Antonio Conte dovrà essere bravo a ridisegnare la squadra senza il suo perno.

Per tutte le notizie più importanti della giornata CLICCA QUI!

Inter, Sensi pronto al rientro dopo la sosta: Lukaku e la difesa da rilanciare

Dopo la prima mezz’ora del derby d’Italia giocato domenica sera contro la Juventus, Stefano Sensi ha accusato un fastidio muscolare che lo ha costretto a lasciare il campo. I primi accertamenti hanno rassicurato l’Inter che il centrocampista probabilmente recupererà per la ripresa del campionato dopo la sosta. Oltre a recuperare Sensi, il mister Conte dovrà cercare di recuperare la forma di un Lukaku apparso sottotono e di una difesa che non è al massimo. De Vrij al momento è il più in forma del reparto difensivo. Skriniar e Godin non sono ancora al massimo, con l’ex Sampdoria non sempre concentrato e l’uruguaiano non ai soliti livelli. Due settimane in cui Antonio Conte potrà lavorare per aggiustare i dettagli che hanno fatto la differenza contro i rivali bianconeri.

M.D.