Calciomercato Juventus, addio clamoroso a gennaio: occhio al Bayern

Per la Juventus potrebbe arrivare già a gennaio un clamoroso addio: al centro dell’ipotesi di calciomercato Demiral ed il Bayern Monaco

Calciomercato Demiral
Buffon e Demiral (Getty Images)

Soltanto 90 minuti giocati in ben 8 partite di Serie A, 11 match in totale se si tiene in considerazione anche la Champions League. Per Merih Demiral, arrivato in estate con tante motivazioni e voglia di dimostrare il proprio valore alla piazza bianconera, potrebbe giungere a breve il momento dei saluti. Maurizio Sarri ha palesemente mostrato di non voler puntare su di lui, nonostante l’infortunio occorso a capitan Giorgio Chiellini potesse favorire un’ampio impiego di tutte le riserve nel reparto difensivo della Juventus. Così non è stato, perchè l’unica occasione in cui il turco ha giocato è stata contro il Verona ormai oltre un mese fa. Le doti del calciatore messe in mostra con il Sassuolo, però, hanno fatto drizzare le antenne a numerosi club europei, che potrebbero pertanto tornare all’assalto nel prossimo calciomercato.

LEGGI ANCHE —> Calciomercato Roma, Rodwell o Buchel? C’è la decisione!

Calciomercato Demiral, Bayern a caccia di difensori

Una delle squadre che a gennaio potrebbe aprire una trattativa per il calciatore è il Bayern Monaco. I tedeschi si trovano a dover fare i conti con gli infortuni, piuttosto pesanti, di difensori centrali come Niklas Sule e Lucas Hernandez. Il rientro del primo è previsto per l’aprile del 2020, mentre il secondo verso dicembre potrebbe mostrare i primi segnali di ripresa. Tuttavia, per rimettersi in sesto ci vorranno settimane e settimane di lavoro sul campo, con un rientro in piena forma che avverrà in modo lento e graduale.

Per tutte le ultime notizie sul mercato della Roma CLICCA QUI!

Insomma, i bavaresi rischiano di restare a lungo senza due difensori, lasciando scoperto il reparto. Demiral potrebbe fare al caso giusto, ma la richiesta della Juventus non cambierebbe da quella dell’estate: per cederlo servirebbe una cifra vicina ai 40 milioni di euro.

M.D.A.