Calciomercato, la Juventus non molla il talento | Spinta di Raiola

La Juventus non molla il giovane talento e su spinta di Raiola può battere la concorrenza

La Juventus sta risalendo in campionato e ha da giocare il ritorno degli ottavi di Champions davanti al proprio pubblico ma un club di questo calibro guarda sempre avanti. Infatti la società sta già monitorando i primi colpi per il prossimo mercato estivo e uno dei reparti su cui vuole intervenire è il centrocampo.

Allegri Juventus Gravenberch
Max Allegri ©LaPresse

L’attacco andrà perfezionato, soprattutto se partirà Dybala, ma in Vlahovic al momento ha trovato una garanzia che lascia abbastanza tranquilla la società. Lo stesso non si può dire per il centrocampo che, nonostante l’arrivo di Zakaria, è ancora carente in alcuni aspetti. Uno dei candidati a rinforzarlo, come diciamo ormai da tempo, è Ryan Gravenberch, gioiellino classe 2002 olandese. Il nativo di Amsterdam è una delle ultime giovani stelle sfornate dall’Ajax che ha già diverse richieste da tenere in considerazione.

Asse Juventus-Raiola per arrivare a Gravenberch

L’Ajax è costretto a trattare col ragazzo, considerando il suo contratto in scadenza a giugno 2023. Di conseguenza deve prendere in considerazione la possibilità di sacrificarlo in estate, per evitare di perderlo a costo zero tra un anno, evento ormai all’ordine del giorno del calciomercato moderno. La Juventus non molla il sogno Paul Pogba, da anni una vera e propria suggestione e tiene viva la possibilità di arrivare a Sergej Milinkovic-Savic, ma la pista che porta a Gravenberch, come riportato da ‘todofichajes.com’, è molto calda.

Gravenberch calciomercato Juventus
Ryan Gravenberch ©LaPresse

Gli ottimi rapporti tra la Juventus e l’agente di Gravenberch, Mino Raiola, potrebbero favorire la buona riuscita della trattativa. Proprio sulla base di questo rapporto la ‘Vecchia Signora’ potrebbe avere la meglio sulle big europee, Barcellona, Real Madrid, Manchester City, United e Bayern Monaco. L’Ajax chiede comunque una cifra non indifferente, circa 30 milioni di euro.