Calciomercato Milan, un bomber a sorpresa per sognare lo scudetto

Il Milan potrebbe mettere gli occhi su Erik Botheim, attaccante del Krasnodar e potenziale obiettivo di calciomercato dei rossoneri di Stefano Pioli

Il Milan di Stefano Pioli continua la sua corsa nella lotta scudetto. I rossoneri, dopo aver vinto il derby di Milano contro l’Inter di Simone Inzaghi, hanno superato un’altra vittima celebre, il Napoli di Luciano Spalletti al Maradona.

Milan, Pioli su Botheim
Stefano Pioli © LaPresse

Una vittoria pesantissima per la squadra meneghina che ora può credere davvero nel sogno tricolore a poche giornate dalla fine del campionato italiano di Serie A. L’avversaria è quella di sempre, l’Inter di Simone Inzaghi che, dopo un periodo di pausa, ha ripreso la sua marcia con la vittoria interna rotonda contro la Salernitana di Davide Nicola firmata dal ritorno al gol di Lautaro Martinez, autore addirittura di una tripletta, e dagli acuti di Nicolò Barella, centrocampista della Nazionale italiana che era un po’ mancato alla Beneamata nelle ultime uscite.

Il Milan invece si sta aggrappando, soprattutto nei big match, alle reti dell’esperto Olivier Giroud. Il bomber francese, vista l’assenza di Zlatan Ibrahimovic (sembra ormai prossimo al rientro a pieno regime), è stato l’uomo in più di Pioli in queste gare con reti pesantissime, dalla doppietta nel derby contro l’Inter al guizzo del Maradona contro il Napoli di Spalletti.

Calciomercato Milan, occhio ad un bomber dall’estero

Nel frattempo, la FIFA, considerando la situazione complicata in Russia e Ucraina, ha riaperto il calciomercato per i giocatori stranieri provenienti da quei club e attenzione ad un nome in particolare che potrebbe far comodo in questo finale di stagione rossonero. Stiamo parlando di Erik Botheim, centravanti norvegese che a gennaio si è trasferito al Krasnodar, in Russia, e che temporaneamente potrebbe lasciare il club russo. Il Milan potrebbe interessarsi al profilo del giovane bomber, castigatore della Roma in Conference League lo scorso ottobre, per avere un’alternativa in più e di valore da spendere offensivamente, visti i continui acciacchi di Ibrahimovic e Giroud, un po’ in là con l’età.