Calciomercato, Milan beffato | L’esterno rimarrà in Premier League

La corsia di destra resta uno dei ruoli in cui il Milan dovrà investire in vista della prossima stagione. Un nome sulla lista di Maldini sembrà però essere ormai sfumato

Il calciomercato del Milan è sempre in costante movimento. Uno dei ruoli che necessita di un upgrade è sicuramente la fascia destra: il riscatto di Messias non è ancora certo e il solo Saelemaekers non può bastare per le crescenti ambizioni rossonere.

Milan, Bergwijn verso l'Arsenal
Paolo Maldini © LaPresse

Tra i vari nomi, due tra i più caldi emersi in questi giorni sono quelli di Berardi e Lang, entrambi con un prezzo che si aggira tra i 20 e i 30 milioni di euro. Il Milan, però, dovrà investire anche sul centrocampo per ovviare all’addio di Kessié, pertanto le spese necessitano di equilibrio. Tra i profili più low cost c’è anche Steven Bergwijn del Tottenham.

L’esterno è ai margini del progetto di Conte, con poche presenze da titolare tra campionato e Champions. La concorrenza con Lucas Moura e il neo arrivato Kulusevski è agguerrita, tant’è che Bergwijn è partito titolare solamente in quattro occasioni in Premier League fino ad oggi, siglando solamente due gol.

Bergwijn, l’Arsenal può anticipare il Milan: le cifre

Bergwijn, niente Milan: va all'Arsenal
Steven Bergwijn © LaPresse

Sull’olandese però, stando a quanto riporta il ‘Mirror’, si è inserito prepotentemente l’Arsenal di Arteta. Gli Spurs dovranno fare qualche cessione per finanziare le richieste di Antonio Conte e Bergwijn sarebbe uno dei possibili partenti.

La cifra richiesta dal Tottenham si aggira però sui 30 milioni di euro, ritenuta molto alta dal Milan. I rossoneri pensavano di poter trattare su una cifra inferiore ai 20 milioni per Bergwijn, ma la dirigenza Spurs vorrebbe generare un introito maggiore per il classe ’97.

L’Arsenal invece sembra ancora interessato e pronto ad intavolare dei discorsi in vista dell’estate. Maldini e Massara, in caso di mancato riscatto di Messias, dovranno probabilmente virare verso altri obiettivi.

Di Andrea Biasiolo