Rinnovo in standby: lascia l’Inter a zero

Prosegue la crisi in campionato dell’Inter. La società blocca i rinnovi contrattuali ma dovrà difendersi dagli assalti al difensore

Dopo il terzo pareggio nelle ultime quattro partite in Serie A, l’Inter vede allontanarsi le chance scudetto. Milan e Napoli, rispettivamente a sei e tre punti di vantaggio, stanno dimostrando di avere qualcosa in più dell’undici di Simone Inzaghi. Tutto è ancora aperto, i nerazzurri sono attesi anche dal recupero con il Bologna. Intanto, tiene banco la questione rinnovi contrattuali.

Skriniar Calciomercato Inter
Milan Skriniar ©LaPresse

La stagione volge al termine, i direttori sportivi cominciano a tirare le somme e a programmare eventuali modifiche alla rosa, sia nel mercato in entrata, sia in uscita. L’Inter, ancora in corsa per la vittoria del campionato e della Coppa Italia, ha deciso di congelare il discorso sul rinnovi contrattuali, per non deconcentrare la squadra.

Da Handanovic a Skriniar, il futuro in nerazzurro resta in bilico. Il centrale difensivo ha il contratto in scadenza a giugno 2023. Il mancato prolungamento, in tempi utili, potrebbe determinare l’addio a zero del giocatore. Un rischio che Marotta non avrebbe intenzione di correre. Allo stesso tempo, non mancano le pretendenti per il 27enne slovacco, Manchester United, Barcellona e Bayern Monaco su tutte.

Inter, rimandato il rinnovo di Skriniar: Barcellona, Bayern Monaco e Manchester United sul giocatore

Xavi Barcellona Skriniar Inter Manchester United
Xavi ©LaPresse

La stagione 2021/2022 è in dirittura d’arrivo. Un altro campionato giocato ad altissimi livelli da Milan Skriniar, uno dei difensori più forti nel panorama calcistico europeo. L’Inter, attualmente non ha ancora discusso il prolungamento contrattuale con il giocatore slovacco, alimentando ancor di più l’interesse per il calciatore.
Manchester United e Bayern Monaco potrebbero tentare Skriniar con un’offerta da 7 milioni netti all’anno. Stesso discorso per il Barcellona, pronto ad intavolare una trattativa per giugno 2023, quando, stando agli accordi attuali, il difensore sarebbe senza contratto.