Nasce l’Italia del futuro: le scelte della rivoluzione di Mancini

Dopo la delusione al Mondiale l’Italia ripartirà con un nuovo progetto: il Ct Roberto Mancini ha fatto intendere che rimarrà, la rivoluzione

La cocente delusione per la mancata qualificazione al Mondiale è ancora una ferita aperta: l’Italia ripartirà dai giovani talenti a partire già dalla sfida contro la Turchia.

mancini italia
mancini italia © LaPresse

In questi ultimi giorni in tanti sono tornati a casa e così il Ct Roberto Mancini darà spazio ai giovani talenti per iniziare un nuovo corso in vista dei prossimi Europei. Il Mondiale resterà soltanto un miraggio: tutto partirà dalla sfida del 29 marzo contro la Turchia. In attacco ci sarà un tridente inedito composto da Zaniolo, Scamacca e Raspadori: si volta direttamente pagina dopo la brutta delusione contro la Macedia del Nord. Titolare anche Tonali con Cristante e Pessina come interni del centrocampo a tre: in porta ci sarà sempre Donnarumma con De Sciglio e Biraghi sulle fasce, mentre al centro giocheranno Acerbi e Chiellini.

Pronti a dare il loro contributo anche Sensi e Zaccagni: quest’ultimo è diventato protagonista con la maglia della Lazio e vorrebbe ritagliarsi uno spazio importante anche in Nazionale. Una rivoluzione vera e propria con nuovi innesti che saranno importanti anche nei prossimi impegni di giugno.

Italia, Scamacca l’attaccante del futuro

italia palermo
italia palermo © LaPresse

Gianluca Scamacca avrà così una grande occasione per mettersi in mostra come attaccante della Nazionale: da Immobile a Belotti, l’Italia ha avuto sempre difficoltà a trovare negli ultimi anni un bomber di livello internazionale. I due attaccanti, rispettivamente di Lazio e Torino, sono stati protagonisti in Serie A a suon di gol, ma è mancata sempre quell’esperienza totale per consacrarsi definitivamente nel calcio che conta rispetto ad altri goleador di tutto rispetto.