Allegri distrutto: “Vlahovic umiliato, attacco alla sua arroganza”

La Juventus esce con le ossa rotte dopo la sfida persa contro il Genoa: l’attacco alla ‘Vecchia Signora’ è davvero pesante

Uns sconfitta inattesa quella incassata dalla Juventus contro il Genoa di Blessin, a firma dell’ex Criscito. Se da un lato la Juventus ha da chiedere ancora poco alla stagione (resta la speranza di una finale di Coppa Italia da giocare) mentre i rossoblù hanno tutta l’intenzione di provare a salvarsi a due giornate dalla fine. La ‘Vecchia Signora’ ha deluso le aspettative e per questo motivo è finita al centro di non poche critiche e polemiche. Il giornalista Tony Damascelli, sulle righe de ‘Il Giornale’ ha detto la sua sulla recente prestazione della Juventus.

Allegri Kean Vlahovic
Massimiliano Allegri © LaPresse

Diversi i temi trattati come numerosi sono gli indiziati per la maldestra prestazione, abbondantemente insufficiente a detta del giornalista, contro il Grifone. L’attacco è senza sconti: ecco cosa ha scritto Damascelli.

Attacco senza sconti: Juventus asfaltata

Allegri Kean Vlahovic
Dusan Vlahovic © LaPresse

La Juventus vista contro il Genoa è uno straccio di squadra, intossicata dalla presunzione del suo allenatore”. L’aspra critica di Damascelli nei confronti della ‘Vecchia Signora’, a cui rimane la possibilità di conquistare la Coppa Italia mercoledì prossimo contro l’Inter, prosegue così: “Il gran gol di Dybala è stato accolto da una stranita espressione di Allegri per il quale il calcio è un gioco semplice, il football della sua Juventus è sempliciotto, di raro cervello“.

Il tecnico livornese è quindi al centro delle polemiche dopo la deludente prestazione della squadra torinese. Damascelli, successivamente, si sfoga tirando in ballo alcuni dei big a disposizione dell’allenatore juventino. Vlahovic è diventato un randagio umiliato con la sostituzione, Kean per Nedved deve giocare vicino alla porta, di uscita, altri sono in condizioni paurose (Cuadrado, Arthur, Rugani, De Sciglio)”.

Allegri Kean Vlahovic
Moise Kean © LaPresse

La conclusione di Damascelli non lascia spazio a dubbi: “La vittoria del Genoa è uno schiaffo all’arroganza di tutto il gruppo bianconero”.