Il mercato spacca la Juventus: “Conflitto con Allegri”

Situazione difficile in casa Juventus. I piani per la prossima stagione sembrano in salita, anche a causa di un conflitto interno sul mercato: Allegri e Agnelli hanno visioni differenti

Allegri l’ha chiarito anche nelle ultime conferenze stampa: il prossimo anno la Juventus dovrà tornare a lottare per lo Scudetto. Una dichiarazione valida anche per il mercato, una sorta di richiamo alla società per evidenziare che probabilmente alla squadra manca ancora qualche tassello per fare il salto di qualità.

Confillo Allegri-società sul calciomercato
Massimiliano Allegri © LaPresse

La dirigenza bianconera, però, non sembra dello stesso avviso. Da quanto filtrerebbe il piano sarebbe di continuare sulla ‘linea green’ intrapresa e valutare profili più giovani da far crescere, piuttosto che calciatori più pronti, ma già in là con gli anni.

Su questo hanno dibattuto sia Stefano Agresti che Antonio ‘Tony’ Damascelli ai microfoni di ‘Radio Radio’. Più critiche che altro dai due opinionisti sul mercato della Juventus, ritenuto quantomeno confuso ed oscuro, dati anche i nomi che continuano ad emergere in queste ore.

“Mercato della Juventus? Poche idee e confuse”

Damascelli critica i piani mercato della Juventus
Antonio ‘Tony’ Damascelli © LaPresse

Agresti spiega: “C’è un conflitto dentro la società tra Allegri che vuole giocatori pronti per vincere subito e, invece, c’è chi vorrebbe puntare più sui giovani”. Parole importanti sulla differenza sostanziale di vedute tra allenatore e società che non fa ben sperare per il futuro.

Subentra poi Damascelli: “C’è poco da dire: poche idee e confuse”. La critica verte probabilmente sulla mancanza di una linea chiara e programmatica evidenziata dalla Juventus già in questa stagione. “Resto confuso del perché si parli di Perisic e Di Maria e non abbiano confermato Dybala. Lui chiedeva un ingaggio importante per 4 anni + 1 e l’impegno complessivo era di oltre 100 milioni, considerando l’opzione. E per la Juve l’impegno non corrispondeva alle garanzie che il calciatore dava, non alle qualità. E non è lo stesso impegno di un anno di contratto a un giocatore come Di Maria”.

Agresti prova quindi a dare una risposta sulle scelte della Juve, aggrappandosi al modulo che avrebbe in testa Allegri: “Si cerca un mix, loro vogliono attaccanti esterni per giocare con un 4-3-3. Molti dibattiti sul calciomercato della Juventus ancor prima che esso di fatto cominci: vedremo se la dirigenza a dare risposte concrete ai giornalisti.