De Ligt-Juventus, costa succede: quattro ipotesi sul tavolo

Nel caso in cui la Juventus non riuscisse a trattenere il proprio difensore centrale, si aprirebbero davanti a lui quattro nuove possibilità

La Juventus ha cambiato improvvisamente rotta sulla sua politica di rinnovamento dell’organico a disposizione di Allegri per la prossima stagione, andando a toccare anche il monte ingaggi destinato ai calciatori in attesa di rinnovo. Tale decisione non è scesa di buon gusto al difensore centrale Matthjis de Ligt, che seppur legato ancora da due anni di contratto non ha escluso altre possibilità per il suo futuro.

Matthjis de Ligt ©LaPresse

Secondo quanto raccolto da ‘calciomercato.it‘, il difensore olandese avrebbe rifiutato la recente proposta di prolungamento di contratto sulla base di un ingaggio da 7,5 milioni di euro compresi di bonus. Un’offerta decisamente al ribasso rispetto a quanto attualmente percepito (12 milioni).

Intanto tanti big club europei stanno monitorando con attenzione la situazione in pieno stallo, desiderosi di poter approfittare di una clamorosa rottura tra le parti. Il Manchester United è stato il primo ad aver mostrato interesse per il calciatore, ma anche in questo caso i ‘Red Devils’ non potrebbero garantirgli lo stipendio richiesto. A seguire ci sarebbe il Real Madrid, fresco acquisitore del cartellino di Rudiger dal Chelsea. Quindi anche PSG, Manchester City e Liverpool.

Calciomercato, de Ligt via dalla Juventus a determinate condizioni

Matthjis de Ligt ©LaPresse

L’unica chance che uno di questi club avrebbe di poter strappare de Ligt alla Juventus consisterebbe nel rispettare le ferree volontà del calciatore sull’ingaggio. Il club bianconero, però, non vuole liberarsi tanto facilmente di un profilo su cui ha investito parecchio nel corso degli anni – svendendolo alle dirette rivali in Europa.