La Juve studia il grande colpo: 20 milioni più Rabiot

I bianconeri non si accontentano delle operazioni già concluse, vogliono giocarsi la carta Rabiot per raggiungere un altro grande obiettivo di mercato

Con gli innesti di Paul Pogba e Angel Di Maria, la Juventus ha puntellato a dovere due reparti su quattro. La chiusura della trattativa per Cambiaso dal Genoa aggiunge un’ulteriore forza fresca alla linea difensiva, ma l’addio di de Ligt potrebbe a sua volta creare un vuoto nello spot centrale. Nulla di cui preoccuparsi: la dirigenza bianconera è già al lavoro per piazzarvi il degno sostituto. E anche quando tutto sembrerà essere completo, il mercato potrebbe ancora sorprendere Allegri.

Adrien Rabiot ©LaPresse

La presenza di Rabiot in organico verrà infatti considerata d’importanza marginale, almeno per il resto della stagione. Le parti non hanno alcuna intenzione di parlare di rinnovo di contratto, lasciandolo decorrere fino alla sua naturale scadenza fissata a giugno 2023. Questa eventualità, tuttavia, sarebbe l’ultima di una lunga lista di altre possibilità. L’ideale sarebbe infatti utilizzare il cartellino del centrocampista francese come mezzo di scambio o tutt’al più come contropartita tecnica in un affare ben più grande. Sarebbe proprio quest’ultimo il caso di Piotr Zielinski.

Il centrocampista polacco, caposaldo del Napoli degli ultimi anni, potrebbe lasciare la piazza partenopea per accasarsi ad una realtà che lo ha sempre desiderato. Ciò sarebbe un bene persino per Rabiot che, se inerito nella trattativa, potrebbe continuare a giocare da titolare anche in Champions League con la maglia azzurra. Per stuzzicare l’interesse della presidenza in mano ad Aurelio De Laurentiis, Arrivabene e il resto dell’entourage dovranno alzare la posta: previsti anche altri 20 milioni di euro cash da aggiungere al cartellino del francese dal valore di 15 milioni. Attenzione però ad un grande scoglio.

Calciomercato, intreccio Rabiot-Zielinski dall’ingaggio elevato

Piotr Zieliński ©LaPresse

Sulla carta, l’operazione che coinvolgerebbe Rabiot da un lato e Zielinski dall’altro (più conguaglio) sarebbe di facile riuscita. A patto che vengano rispettate le richieste dei singoli calciatori in termini d’ingaggio. Per il polacco non ci dovrebbero essere grosse difficoltà, con la Juventus disposta ad adattarsi a suo piacimento. Quanto al francese, al contrario, i 7 milioni di euro netti di stipendio peserebbero eccome sulle casse del Napoli. Un gioco che fino alla fine potrebbe non valere la candela.