È caos Inter: Zhang ha solo due possibilità

I problemi finanziari dell’Inter tornano a galla in questo periodo di calciomercato: il debito accumulato è da capogiro, ora la palla passa al presidente Zhang

Non è certo una sorpresa la notizia riguardante i problemi dal punto di vista economico dell’Inter. i nerazzurri convivono con tali grattacapi già da qualche anno, con il Covid che sicuramente ha aggravato non poco la già precaria vicenda.

Inter, debito da 700 milioni: Zhang valuta la cessione
Steven Zhang è alle prese con grossi problemi per la sua Inter © LaPresse

I numeri che trapelano, però, fanno pensare al peggio. Si parla di un debito di circa 700 milioni di euro in costante aumento, con Zhang che ormai ha pochissime alternative sul suo futuro. La cessione del club pare sempre la pista più percorribile, ma nel frattempo anche grazie all’aiuto di Marotta si sta cercando di contenere i costi al limite del possibile, pur rimanendo competitivi.

Questi numeri in ogni caso andrebbero a dare una risposta ai mancati colpi di Bremer e Dybala. I nerazzurri non sono nelle condizioni di potersi permettere eccessi o spese folli, sia per i cartellini che per gli ingaggi. I colpi fatti al momento sono stati eseguiti o in proiezione futura (Asllani, Bellanova) o a parametro zero (Mkhitaryan).

Ravezzani: “Inter in stato prefallimentare”

Marotta, i debiti bloccano il mercato: 700 milioni di rosso per l'Inter
Giuseppe Marotta © LaPresse

A proferire parola sui nerazzurri c’è anche, tra gli altri, Fabio Ravezzani, giornalista e conduttore televisivo. Sul suo profilo ‘Twitter’, ha scritto questo a riguardo: “Non si può pensare che un club la cui proprietà è in stato prefallimentare possa pompare denaro nelle casse esauste. Attualmente i nerazzurri perdono 100 mln l’anno e sono indebitati per 700. Zhang o vende la società o inevitabilmente abbatte i costi di brutto”.

Parole emblematiche che spiegano al meglio cosa vive attualmente Zhang. Le due possibilità messe sul piatto sono estremamente realistiche, con la prima che sembra la via indicata. Vedremo cosa accadrà nelle prossime settimane in casa Inter circa questa spinosa situazione.