L’Inter adesso trema: doppia offerta e cash per il big

L’esterno nerazzurro resta un obiettivo di un paio di club inglesi, c’è la doppia opzione di scambio più conguaglio per l’Inter

Apparentemente il mercato in entrata dell’Inter sembra essersi arenato verso la fine di giugno, quando sono stati completati tutti i colpi necessari al fine di puntellare l’organico a disposizione di Inzaghi. Non resta che sciogliere le riserve sulla questione Skriniar e completare il parco dei difensori con un’aggiunta in sostituzione all’ex Ranocchia. Quanto alle cessioni, invece, c’è ancora tanto da fare per Marotta ed il resto della dirigenza nerazzurra.

Inzaghi e Dumfries ©LaPresse

Oltre alla questione Sanchez che non accenna a sbloccarsi in alcuna direzione per via di una richiesta di buonuscita fuori portata, ci sarebbero da sistemare Pinamonti, Lazaro, Agoumé, Casadei e Salcedo. Ma non finisce qui. Diversi calciatori che sono parte integrante del progetto nerazzurro sono molto richiesti non soltanto in Italia ma soprattutto in Europa. Tra questi c’è Denzel Dumfries.

L’esterno olandese, giunto lo scorso anno dal PSV, è cresciuto notevolmente sotto il profilo tattico ed ha conquistato un posto di assoluta importanza strategica nel 3-5-2 targato Inzaghi. Una sua dipartita sarebbe un duro colpo da digerire, pertanto l’Inter farà di tutto per trattenerlo a sé. Intanto il club ha fissato il prezzo del cartellino ad almeno 40 milioni di euro, così da mettere in apprensione le pretendenti inglesi del calibro di Chelsea e Manchester United. Questi ultimi, nello specifico, avrebbero l’intenzione di muovere una proposta che ha dell’allettante.

Calciomercato Inter, Dalot o Bissaka per Dumfries più conguaglio

Diogo Dalot, sulla destra ©LaPresse

Lo United offrirebbe sul piatto il cartellino di Diogo Dalot oppure quello di Wan Bissaka, entrambi esterni ma con caratteristiche leggermente diverse, più un conguaglio da 20 milioni variabili in base alla potenziale scelta dei nerazzurri. Come noto, il club di Viale della Liberazione non ha incedibili tra le sue file, ma è difficile che possa scendere ad un compromesso tale da modificare la stabilità dell’ambiente nerazzurro in questo inizio di stagione.