Viktoria Plzen-Inter, Inzaghi misterioso: “Non mi va di dirlo”

Il tecnico dell’Inter, Simone Inzaghi, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del secondo match di Champions contro il Viktoria Plzen

L’Inter è chiamata al riscatto immediato, dopo la sconfitta subita per mano del Bayern Monaco. Domani, a partire dalle ore 18:45, i nerazzurri targati Simone Inzaghi scenderanno in campo – tra le mura della Doosan Arena – per affrontare il Viktoria Plzen, match valido per il secondo turno di Champions League. La trasferta in Repubblica Ceca è nettamente alla portata sulla carta, ma non va assolutamente sottovaluta. Anche perché con le italiane, in casa, il Viktoria Plzen è in serie positiva da ben quattro partite.

Viktoria Plzen Inter Inzaghi
Simone Inzaghi © LaPresse

Il tecnico della ‘Beneamata’, come di consueto, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia, rilasciando alcune dichiarazioni su vari argomenti. Già presa la decisione per quanto concerne il dualismo Handanovic-Onana, ma Inzaghi non vuole ancora scoprire le sue carte pubblicamente: “Ho deciso, ma in questo momento non mi va di dirlo. I giocatori ancora non lo sanno, perché abbiamo avuto soltanto un allenamento. Stamattina abbiamo potuto lavorare al video, però sul campo poco. Domattina ci sarà la riunione tecnica ed è giusto che i primi a sapere le cose siano i giocatori“.

VIKTORIA PLZEN: Punti di forza e di debolezza? Loro sono forti fisicamente. Li abbiamo studiati nelle due gare con Qarabag e Barcellona. L’ingresso nei gironi di Champions lo hanno costruito in questo stadio. Davanti ci sono giocatori importanti come Chory, Mosquera e Sykora. In più le loro ripartenze sono molto veloci, l’hanno dimostrato anche in una partita difficile come quella col Barcellona“.

Viktoria Plzen-Inter, Inzaghi: “Partita importante, ma non decisiva”

Viktoria Plzen Inter Inzaghi
Simone Inzaghi © LaPresse

SLANCIO:Se la partita di domani può darlo? Senza dubbio, parliamo di una sfida importante. Sappiamo che il nostro girone è il più difficile di tutta la competizione, ma vogliamo giocarci le nostre possibilità. L’esordio non è stato il migliore possibile. Ci abbiamo provato, ma il Bayern è stato migliore rispetto a noi. Sappiamo che questa partita porterà con sé delle insidie, però puntiamo ad affrontarla nel migliore dei modi“.

PARTITA DECISIVA?Probabilmente no, visto che ne mancano altre quattro. Ma comunque sappiamo l’importanza che ha. Quest’anno il girone è più competitivo, ma vogliamo mettere a referto i primi punti per muovere la classifica“.