Scatta l’asta: tutti pazzi per il gioiello di Mancini

Il calciomercato può già entrare nel vivo: il talento prescelto da Mancini può far scatenare un’asta nel prossimo calciomercato estivo

La sosta per le nazionali sta dando la possibilità ai club di ricaricare le batterie in vista del ritorno in campo. È chiaro come le società si stiano già guardando intorno con largo anticipo in previsione della riapertura del calciomercato invernale, a gennaio. Da questo punto di vista, l’Italia di Mancini potrebbe regalare sorprese di non poco conto.

Mazzocchi
Roberto Mancini ©LaPresse

Gli azzurri sono impegnati con l’Ungheria, per la sesta giornata del Girone C di Nations League. Ed è proprio dalla gara odierna che le big di Serie A sono pronte ad attingere, con un nome su tutti che intriga per l’anno prossimo.

Tripla chance: la Serie A sulla sorpresa di Mancini

Mazzocchi
Massara e Maldini ©LaPresse

Sono state numerose le defezioni che, nel corso degli ultimi giorni, hanno costretto Roberto Mancini a cambiare i suoi piani per la formazione anti-Ungheria. Ed in tal senso, il nome di Pasquale Mazzocchi ha attirato non pochi interessi, in vista del prossimo anno. Il terzino della Salernitana (all’occorrenza utilizzabile a piena fascia, anche a sinistra) ha stupito fino ad ora nella sua avventura con la squadra di mister Nicola. La convocazione in Nazionale è solo la conferma per un inizio di stagione convincente, nel quale ha collezionato 7 presenze con 1 gol ed 1 assist vincente in 549’ complessivi in campo.

A Mazzocchi pensa il Milan ma non solo. In primissimo piano anche Inter e Juventus, che necessitano non pochi rinforzi sulle corsie esterne e potrebbero dunque farsi avanti per il 27enne napoletano, arrivato durante l’estate per 1 milione di euro dal Venezia e adesso sotto contratto fino al 30 giugno 2026 con i campani.

Mazzocchi
Pasquale Mazzocchi ©LaPresse

Mazzocchi viene valutato circa 9-10 milioni dalla società granata che spera, chiaramente, in un’asta tra le grandi squadre per incassare il più possibile dall’eventuale cessione, nel 2023.