Inzaghi non molla il pupillo: scambio a sorpresa in Serie A

Simone Inzaghi non molla il suo pupillo: il possibile scambio a sorpresa in Serie A con l’Inter protagonista

“Sta facendo un ottimo lavoro, sa allenare e gestire benissimo la squadra. Facciamo parte di un club importante e serve più accortezza da parte di tutti”.

Simone Inzaghi non molla il suo pupillo: il possibile scambio a sorpresa in Serie A con l'Inter protagonista
Simone Inzaghi © LaPresse

“Ora Inzaghi ha lo stress di dover gestire la rosa nel migliore dei modi per i tanti impegni da affrontare fino al 13 novembre, lo sta facendo nel migliore dei modi. Questa maglia va onorata, mi dispiace per i tantissimi tifosi che erano presenti allo stadio. Abbiamo un obbligo: ripagarli nel migliore dei modi e non possiamo fare altro che crederci, questi errori ci serviranno per il futuro”. Non è in discussione la panchina di Simone Inzaghi. A blindare l’allenatore nelle scorse settimane ci ha pensato Marotta, confermando la fiducia totale da parte di società e dirigenza. Dopo la sosta, però, il tecnico è chiamato ad una svolta immediata per non perdere ulteriore terreno in campionato e tentare l’impresa in Champions League. Uno sguardo è sempre rivolto anche al calciomercato.

Calciomercato Inter, Inzaghi non molla Luis Alberto

Simone Inzaghi non molla il suo pupillo: il possibile scambio a sorpresa in Serie A con l'Inter protagonista
Luis Alberto © LaPresse

Luis Alberto è sempre più in bilico alla Lazio e la rottura definitiva potrebbe essere arrivata in estate. Sarri, infatti, aveva annunciato la volontà dello spagnolo di tornare in Liga. Un’altra ipotesi da non escludere è quella che porta all’Inter: il fantasista, infatti, è definitivamente esploso con Simone Inzaghi sulla panchina biancoceleste. Come noto, Luis Alberto è uno dei pupilli del tecnico nerazzurro e nella prossima estate non è affatto da escludere un tentativo da parte dell’Inter. Sarri, dal canto suo, potrebbe chiedere in cambio la carta Dimarco per sistemare la fascia sinistra. Marotta è dunque avvisato.