Riecco lo scambio con la Juventus, l’Inter tentenna

La Serie A sta delineando un panorama inconsueto con le big fuori dalla zona Europa che cercano di correre ai ripari sul mercato

Juventus e Inter sono per il momento fuori dal treno europeo, anche se i bianconeri con la vittoria sul Bologna per 3-0 hanno dato chiari segnali di ripresa.

Inzaghi può perdere Gosens
Simone Inzaghi ©LaPresse

Non vale lo stesso discorso per i nerazurri di Simone Inzaghi, usciti sconfitti davanti al proprio pubblico contro un Roma cinica e che, a detta di Inzaghi, non ha meritato la vittoria. Sta di fatto che sia Juventus che Inter sono alla ricerca di nuovi innesti per le rispettive rose e questo potrebbe portare anche a trattative proprio tra le due big.

Juve e Inter pensano allo scambio

Gosens nel mirino della Juve
Robin Gosens ©LaPresse

Due squadre rivali sul campo, ma che già in passato hanno intavolato trattative di mercato, Juve e Inter starebbero pianificando uno scambio sulle corsie laterali. Ecco che Alex Sandro potrebbe vestire la maglia dell’Inter, in favore Robin Gosens che sarebbe destinato a raggiungere Torino. Tuttavia stiamo parlando di uno scambio leggermente sbilanciato, in quanto il tedesco, 28 anni, è valutato circa 22 milioni di euro dall’Inter, mentre il terzino brasiliano in forza alla Juve non arriva neanche a 7 milioni di valutazione. L’Inter infatti non sembra molto convinta dell’affare, anche considerando lo scarto di età non irrilevante: Alex Sandro ha 31 anni. Per un uomo tutta fascia nel modulo di Inzaghi gli anni fanno certamente la differenza.

Sicuramente i due giocatori non stanno fornendo prestazioni di livello, infatti Allegri sta utilizzando Alex Sandro più per necessità di infermeria che per il suo apporto tecnico e atletico. Di contro Robin Gosens non è ancora riuscito a replicare le sue ottime prestazioni viste quando vestiva la maglia dell’Atalanta, infatti in 9 partite giocate (da subentrato) non ha inciso granché, con 0 reti e 0 assist forniti. Per ora rimane l’idea dello scambio, ma difficilmente l’Inter accetterà, soprattutto senza contropartite economiche.