Il 2003 ha stregato tutti: Mourinho sfida Juve e Inter

Lo Special One ha messo in agenda l’acquisto di un classe 2003 che ha incontrato recentemente in campionato

Dopo aver faticosamente vinto la sua gara casalinga con un mai domo Lecce – che ha giocato oltre 70′ in 10 uomini – la Roma di José Mourinho si prepara ad affrontare la difficile trasferta in terra andalusa contro il Betis Siviglia: in ballo c’è la qualificazione al turno successivo di Europa Leegue.

Jose Mourinho concentrato
Jose Mourinho © LaPresse

Conti alla mano, il primo posto sembra ormai irraggiungibile. Sarà dunque importante, se non decisivo, uscire dal Benito Villamarin con almeno un punto. Per farlo, la fase difensiva dovrà essere pressochè perfetta. A proposito di difensori, ce n’è uno, incontrato recentemente dai giallorossi in campionato, che si è amche permesso il lusso di segnare il gol decisivo ai fini della vittoria della sua squadra contro l’undici capitolino. Il classe 2003 fa gola proprio a tutti, ma la concorrenza è agguerrita.

Scalvini nel mirino delle big: Mourinho prova ad anticipare tutti

Giorgio Scalvini in azione
Giorgio Scalvini © LaPresse

Parliamo di Giorgio Scalvini, per qualcuno il ‘nuovo Bonucci’, data l’indubbia qualità tecnica con la quale si destreggia nell’impostazione. Una prova ne è appunto la rete con la quale ha condannato alla sconfitta, qualche mese fa, la formazione giallorossa. Sul classe 2003 insiste da tempo l’interesse di Juventus ed Inter, solo limitatamente ai club italiani. Anche all’estero però, si sono accorti del gioiello di Gian Piero Gasperini.

Lo Special One sembra però quello più convinto nel portare l’assalto al promettente difensore in vista di un suo arrivo nella Capitale. La Roma proverà l’affondo già nel mercato di riparazione, per garantire al tecnico un altro ricambio di qualità nel reparto arretrato. Qualora l’Atalanta non dovesse cedere Scalvini subito, verranno poste le basi per un suo trasferimento a luglio. Club inglesi permettendo, dato che il giocatore non è passato inosservato nemmeno Oltremanica.