⚪⚫Juve, rivoluzione totale e annuncio😱: “Undici cessioni”

La Juventus è pronta a vivere un cambiamento importante al termine dell’attuale stagione: le dichiarazioni spaventano i tifosi

Sono ore di grande tensione in casa Juventus. Dalla richiesta di ben 15 punti di penalizzazione alla delicata sfida contro l’Atalanta, per la ‘Vecchia Signora’ sembrano attese novità importanti.

L'annuncio su ben undici cessioni a giugno da parte della Juventus
Massimiliano Allegri © LaPresse

Soprattutto in ottica calciomercato che, non tanto a gennaio quanto soprattutto a giugno, riserverà una vera e propria rivoluzione alla rosa attualmente in mano a Massimiliano Allegri. Gli obiettivi e le zone del campo che necessitano rinforzi di un certo peso sono ormai noti, il tecnico toscano conosce i limiti della sua squadra ma, nel frattempo, sembrano prospettarsi diverse partenze in vista di giugno. Per molteplici motivi, infatti, la Juventus starebbe preparando una vera e propria rivoluzione estiva. A parlarne su Twitter è il giornalista Paolo Ziliani che, nomi alla mano, si sbilancia su quelli che sembrerebbero esserre numerosi addi alla squadra torinese. Giocatori che al 99% non faranno più parte della Juventus 2023/24 per motivi d’ingaggio e/o di mancata partecipazione alle coppe”, spiega Ziliani che poi elenca uno a uno i profili, alcuni di assoluto spessore, che lasceranno la ‘Vecchia Signora’ al termine dell’attuale stagione. L’Inchiesta Prisma e la penalizzazione pesante riguardo alle plusvalenze fittizie peserà, tanto quanto i costi di un monte ingaggi che al momento sembra essere diventato quasi insostenibile.

Caos Juve: saluterà una squadra intera

I nomi elencati da Ziliani e dati per sicuri partenti sono ben 11: “Szczesny, Bremer, Alex Sandro, Paredes, Pogba, Rabiot, McKennie, Cuadrado, Di Maria, Vlahovic e Chiesa”.

L'annuncio su ben undici cessioni a giugno da parte della Juventus
Federico Chiesa © LaPresse

Se Di Maria, Cuadrado, Alex Sandro, Rabiot sono in scadenza e probabilmente non rinnoveranno con il club piemontese, discorso diverso vale invece per gli altri. McKennie è considerato cedibile e utile a rimpolpare le casse bianconere, Paredes tornerà al PSG dopo il deludente prestito. Per Pogba, praticamente sempre infortunato, negli ultimi mesi è ventilata anche la clamorosa ipotesi rescissione. Attenzione infine a Szczesny, in scadenza nel 2024, e soprattutto a Vlahovic e Chiesa che rappresentano i due patrimoni più importanti (dal punto di vista tecnico ma soprattutto economico): il messaggio di Ziliani è dunque destinato a fare molto rumore.