Flop in Premier, occasione in Serie A: colpo low cost

Il centravanti non convince a pieno la dirigenza inglese che ha trovato un degno sostituto nelle ultime ore di mercato, ora è nel mirino di tre club italiani per un’operazione in sconto 

Quando la dirigenza del Manchester United aveva scommesso su di lui tempo addietro si sarebbe quantomeno aspettata di vederlo calcare i campi di Premier League con la costanza del fuoriclasse per diverso tempo. Eppure questo sogno nel cassetto non ha mai preso pienamente forma. Forse per un certo periodo di tempo, anni fa, è accaduto davvero nel susseguirsi incessante dei diversi allenatori che hanno riscaldato la panchina dei ‘Red Devils’. Ma oggi, tra le file di Erik ten Hag, tutto è cambiato.

ten Hag lascia andare Martial
Ten Hag e Martial ©LaPresse

Il tecnico olandese non ha alcuna voglia di rilanciarlo tra i titolari perché ormai considerato un elemento extra della rosa. Un jolly, certo, perché le qualità non mancano. Ma quel che più fa rabbia è l’incostanza con cui Anthony Martial si presenta. Non a caso in campionato ha giocato poco, a fasi alterne, segnando anche qualcosina (3 reti) ma dimostrando meno di quel che il suo potenziale gli avrebbe permesso di fare. Per non parlare dell’esperienza fallimentare in prestito al Siviglia. Il destino del centravanti francese sembra essere segnato e improntato verso una clamorosa cessione, senza neppure attendere la naturale scadenza di contratto prevista nel giugno 2024. Tra gli addetti ai lavori si parla persino di Serie A come papabile destinazione.

Calciomercato, tris di italiane su Martial: il punto della situazione

Martial potrebbe lasciare il Manchester United in questa sessione di mercato oppure in quella immediatamente successiva di giugno prossimo.

Martial proposto in Serie A
Anthony Martial ©LaPresse

Le condizioni? Che qualcuno sia disposto ad acquisire le sue prestazioni sportive a titolo definitivo o tutt’al più in prestito, con opzione di riscatto. Persino ad un costo agevolato, per venire incontro alla disponibilità economica di club meno abbienti di quelli inglesi. In Italia c’è il vivo interesse di Inter, Juventus e Roma con le quali la sua entourage avrebbe già parlato, per un’operazione da meno di 15 milioni di euro.