Stoccata alla Juve: “Hanno alterato la regolarità del campionato”

La sentenza della Juventus tiene ancora banco mentre il girone di andata del campionato di Serie A si è chiuso proprio ieri. Tra turbolenze giudiziarie e obiettivi ridimensionati, i bianconeri si trovano in una situazione a dir poco delicata

Il pareggio contro l’Atalanta ha dato comunque buoni segnali a livello sportivo e, soprattutto, per quanto riguarda l’unione di intenti del gruppo guidato da Massimiliano Allegri.

Max Allegri – calciomercatonews.com

Tuttavia le vicende giudiziarie non possono essere messe da parte e gran parte degli esponenti del panorama calcistico si è pronunciata sull’esito drastico che ha visto i bianconeri sprofondare in classifica dopo i 15 punti di penalizzazione.

Pistocchi: “Stiamo facendo una figura pessima”

Intervenuto ai microfoni di calciomercato.it sul canale Tv Play, Maurizio Pistocchi non ha potuto mettere da parte quanto successo alla Juventus nelle ultime settimane.

La sentenza Juventus al centro del dibattito su Tv Play
Andrea Agnelli – calciomercatonews.com

Anche se i bianconeri non sono stati l’unico argomento della diretta, il giornalista si è concentrato sulla recente sentenza della Corte Federale: “Adesso è arrivato questo tsunami che riguarda la Juventus e sicuramente non ci sta facendo una grandissima pubblicità in tutto il mondo. Stiamo facendo una figura pessima. La gente dovrebbe valutare queste cose in maniera seria. Lo scandalo riguarda tutto il calcio italiano e avrebbe influito sulla nostra credibilità. Il problema alla Juventus si è verificato perché essendo una società quotata in borsa aderisce a una regola internazionale, nella quale c’è una specifica, ISE 38, questo è il caso. Se le plusvalenze sono immateriali vanno valutate al valore del bilancio, quindi in alcuni casi è 0. Questo ha procurato tutto quello che è successo alla Juventus”.

Pistocchi è poi sceso più nel dettaglio, analizzando lucidamente le fasi del processo alla Juventus: “La prima sentenza è stata fatta perché hanno ritenuto che i dirigenti della Juventus abbiano contravvenuto a quello che prevede il codice numero 4 della giustizia sportiva. La documentazione che è in possesso degli inquirenti contiene una documentazione serrata, togliamo le intercettazioni e tanto altro. Oggi un giudice del Tribunale di Torino, fa parte anche della giustizia sportiva, ha spiegato quali principi hanno generato quel genere di sentenza. Una sentenza che a limite può venire annullata e rimandata alla Corte. La CONSOB ha ipotizzato 154 milioni di euro di plusvalenza artificiose negli ultimi tre bilanci della Juventus. Ovviamente il fatto di poter fare questo tipo di plusvalenze hanno alterato la regolarità del campionato”