Home Archivio articoli Nazionali, clamorosa decisione di Zarate: l’ex Lazio giocherà con il Cile

Nazionali, clamorosa decisione di Zarate: l’ex Lazio giocherà con il Cile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:14
CONDIVIDI

FBL-SUDAMERICANA-LA EQUIDAD-VELEZ
ZARATE CILE – Maurito Zarate, ex attaccante di Lazio e Inter, ha deciso quale sarà la sua prossima Nazionale: niente Argentina, paese d’origine del giocatore, bensì Cile. A rivelare questa clamorosa decisione è stato il fratello dell’argentino, Rolando: ‘Mauro giocherà per il Cile. Ha visto e analizzato le ultime convocazioni dell’Argentina e ha deciso quindi di dire sì alla Roja. È stato molto sfortunato a giocare in un’epoca in cui ci sono giocatori come Messi, Aguero e Higuain. Pensa solo di avere una possibilità per tutto quello che ha fatto nel Velez ma fino ad ora non ne ha avuto l’opportunità’.

LA SCELTA DEL CILE

Perché Zarate ha scelto il Cile? Il motivo è presto detto visto che il giocatore ha il padre e il nonno cileni (la madre ha invece origini italiane). Possibile la sua prima convocazione già per i prossimi impegni della Roja nelle amichevoli di novembre contro Venezuela e Uruguay. Facciamo un passo indietro nella carriera di Zarate: il ragazzo nel 2007 era una delle maggiori promesse del calcio argentino e proprio in quell’anno formava con Aguero una super coppia offensiva al Mondiale Under 20 in Canada (vinto tra l’altro dall’Albiceleste). Successivamente Batista scartò il giocatore per le Olimpiadi; nel 2009, aspettando invano una chiamata dall’Argentina maggiore, Zarate rifiutò l’Italia. Oggi quindi ecco l’opportunità di giocare con la maglia del Cile assieme a Sanchez e Vidal. La carriera dell’attaccante, in quanto a club, è piuttosto movimentata per gli amanti del calciomercato: esordio nel Velez quindi trasferimento all’Al-Saff, Birmingham e Lazio. Per finire parentesi incolori con Inter, nuovamente Premier e ancora Velez.

Anticipazioni, indiscrezioni e rumors di mercato: segui CMNews.com su Twitter per non perderti nulla!

La redazione di calciomercatonews.com