Milan, l’allarme di Forbes: ‘Mr.Bee è un piccolo investitore: dove ha trovato i soldi?’

taechaubol

Il Milan, come noto da diverse settimane, potrebbe presto cedere una fetta rilevante di quote societarie a investitori orientali. Due sono le alternative possibili: i cinesi di Mister Lee e i thailandesi di Mister Teachaubol. Attualmente la cordata cinese sembra essere in vantaggio e questo rappresenterebbe un bene per il Diavolo: a scrivere ciò è niente meno che Forbes, il prestigioso giornale finanziario che ha scoperchiato un vero e proprio vaso di Pandora sul conto dell’altro candidato in corsa, Mr.Bee.

L’ALLARME DI FORBES – In sostanza il bisettimanale definisce Mr.Bee ‘un piccolo investitore‘ a capo anch’egli di una cordata cinese: meglio quindi per il Milan evitare questo personaggio che desta parecchi dubbi. La domanda da cui parte l’analisi di Forbes è la seguente: dove ha trovato i soldi Mr.Bee per poter effettuare un simile investimento? Guardando il patrimonio del thailandese si nota come il personaggio non disponga della liquidità necessaria per acquistare una quota consistente del Milan. L’azienda di famiglia di Teachaubol ha un fatturato di 100 milioni di dollari annui relativi al periodo 2012-2013 ovvero una cifra ben lontana da quanto immaginata – e dichiarata – per rilanciare il Diavolo alle condizioni di Berlusconi.

LA PREVISIONE – Forbes si spinge oltre e prova a delineare quale sarà lo scenario in casa Milan. Alla fine i rossoneri andranno ai cinesi di Mr.Lee mentre Mr.Bee, al massimo, entrerà nel club solo con una piccola quota. Resta da capire la dimensione della fetta societaria che finirà nelle mani dei nuovi proprietari.

Segui @Fede0fede – www.calciomercatonews.com