Home Mercato Milan, problemi in difesa: occasione dalla Premier

Milan, problemi in difesa: occasione dalla Premier

CONDIVIDI

Dopo sette anni e mezzo Gary Cahill lascerà il Chelsea: il difensore inglese può fare al caso del Milan, anche se c’è il nodo ingaggio

Cahill
Cahill (Getty Images)

Il Milan è ancora molto incerto sul futuro. Senza allenatore e senza direttore sportivo in attesa delle decisioni di Gazidis e Maldini, i rossoneri non sono ancora in grado di programmare in maniera massiccia il calciomercato. In questo senso, però, i radar sono sempre accesi e pronti a colpire in caso di grande chance. La morsa dell’Uefa e la possibile esclusione dalle coppe portano inevitabilmente il Milan a prediligere profili giovani ma anche esperti a patto che siano low cost. Come in difesa: la coppia titolare ad ora è formata da Romagnoli e Musacchio, con Caldara che dovrà stare di nuovo qualche mese ai box. L’addio di Zapata, invece, è già deciso non senza qualche rammarico da parte dell’agente Ivan Cordoba: “Si aspettava un comportamento diverso dalla società, non pretendeva lo stesso contratto ma almeno un biennale. Sapeva di poter essere ancora importante”.

Leggi anche —–> Milan, a centrocampo occasioni dalla Ligue 1: Tchouameni e Soumare

Milan, Cahill dice addio al Chelsea: la situazione

In questo contesto, il Milan si trova ad avere delle falle importanti in difesa. Con Romagnoli capitano e intoccabile, il solo Musacchio non può bastare per coprire i primi mesi della prossima stagione senza Caldara. Urgono rinforzi e l’occasione imperdibile può arrivare dalla Premier League. È diventato ufficiale da qualche settimana, infatti, l’addio di Gary Cahill al Chelsea. Il difensore inglese ha sparato a zero su Maurizio Sarri, reo di averlo escluso e mandato in tribuna per tutto l’anno e senza spiegazioni. “Difficile avere rispetto di lui”, la bordata del classe ’85.

Per tutte le ultime notizie sul mercato del Milan CLICCA QUI!

Cahill sarà libero il 30 giugno, data della scadenza del suo contratto. Il Milan può fiutare l’occasione, magari spalmando un ingaggio monstre come quello del centrale che ha vinto Champions, 2 Europa League e 2 Premier. Il difensore ex Boston, dopo 7 anni e mezzo di Chelsea, ha l’esperienza giusta per i rossoneri, che già negli scorsi mesi ci avevano fatto un pensierino. In estate la pista può tornare d’attualità, ma solo a una condizione: abbassare l’ingaggio, che in Blues era di 6 milioni di euro. A 34 anni e la voglia di ricominciare, Cahill potrebbe non avere grossi problemi a ridursi lo stipendio qualche milione.

F.I.